Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Qual è il rapporto tra Homo Sapiens e A.I?

  1. Home
  2. What's next
  3. Qual è il rapporto tra Homo Sapiens e A.I?

Ne parleremo con Luciano Floridi, una delle voci più autorevoli della filosofia contemporanea, ospite del prossimo appuntamento delle Colazioni Digitali dell’11 aprile

Con l’avvento dell’Intelligenza artificiale non è mutata solo la realtà ma, soprattutto la cultura. Se da un lato l’uomo moderno è supportato dalle tecnologie digitali, dall’altro sviluppa il terrore che le macchine possano prendere il sopravvento. Qual è, quindi, il rapporto che lega l’uomo ai robot?

A discuterne sarà il filosofo Luciano Floridi, direttore di Digital Ethics Lab a Oxford, che da anni si occupa di tecnologia ed etica.

Si tratta del secondo capitolo delle Colazioni Digitali, a tema A.I., in programma per l’11 aprile. Nel primo appuntamento si è parlato di una delle scoperte più incredibili degli ultimi anni: il grafene, un nanomateriale che sta rivoluzionando vari settori produttivi, con Vittorio Pellegrini, esperto del settore che ha illustrato il quadro attuale di questo materiale applicato alla sfera dell’A.I.

In questo secondo incontro, che sarà condotto da Massimo Sideri, Responsabile editoriale di Corriere Innovazione ed editorialista del Corriere della Sera, il focus sarà l’Homo Sapiens.

 

 

QUAL È IL RAPPORTO DELL’UOMO CON L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE?

 

Chi è l’Homo Sapiens e come si relaziona con l’Intelligenza Artificiale? Queste e altre domande sono spunti di riflessione dalle quali partire per prepararsi all’argomento del secondo incontro delle Colazioni Digitali.

L’uomo moderno è diventato tale grazie alla tecnologia che, nell’arco della storia umana, è cambiata e si è evoluta. Insieme ad essa, non è mutata solo la realtà, ma la cultura stessa.

Robot, umanoidi, macchine intelligenti affiancano quotidianamente l’uomo aiutandolo in svariati ambiti, non solo manuali, ma anche cognitivi.

Questo è uno dei motivi per cui l’uomo ha bisogno della filosofia etica, cioè deve capire quali siano i valori, le responsabilità e i problemi etici in un contesto che è cambiato. Perché se da un lato, può emergere il timore che l’I.A. possa sostituirsi all’uomo, quest’ultimo deve imparare a gestire la società digitale.

La cultura delle società occidentali si sta trasformando. Si nota sempre di più il passaggio dal materiale all’immateriale. L’uomo è letteralmente circondato da informazioni, scritte e non. Luciano Floridi sostiene che si tratta di una vera e propria rivoluzione dell’informazione. Una rivoluzione che offre una visione nuova dell’uomo, inteso come individuo perennemente connesso e costituito da informazioni appunto e dall’ambiente in cui lo stesso si muove.

 

LUCIANO FLORIDI: L’OSPITE DELLE COLAZIONI DIGITALI

È una delle voci più autorevoli della filosofia contemporanea. Filosofo italiano, naturalizzato britannico, Luciano Floridi è professore ordinario di filosofia ed etica dell’informazione. Egli dirige il Digital Ethics Lab dell’Università di Oxford ed è presidente del Data Ethics Group dell’Alan Turing Institute. Inoltre, fa da advisor ai big del tech, a governi e Unione Europea.

Floridi è noto per il suo lavoro svolto in due aree di ricerca filosofica. Una riguarda la filosofia dell’informazione, espressione coniata e usata dallo stesso studioso, e l’altra l’etica informatica

La filosofia dell’informazione riguarda l’indagine critica sulla natura e i principi dell’informazione in quanto tale e della computazione, ovvero della manipolazione meccanica di dati, e il suo utilizzo. L'etica dell'informazione può contribuire a capire i problemi che ci circondano e per offrire soluzioni migliori.

Ora, questa area di ricerca parte dall’uomo. Quest’ultimo viene da un mondo analogico che, pian piano, è diventato digitale. Ma come si è adattato? Quali sono state le scelte nei vari campi in cui lui vive e si relaziona agli altri?

Proveremo a riflettere e ad approfondire questi temi tanto filosofici, quanto vicino a noi.

 

 

L’APPUNTAMENTO

Il secondo appuntamento delle Colazioni Digitali è fissato per giovedì 11 aprile, ore 9:00. L'evento si svolgerà presso la sede di Sorgenia, in via Alessandro Algardi, 4 a Milano.

L’ingresso è libero e gratuito, previa prenotazione obbligatoria, fino a esaurimento posti.

Per prenotare il vostro posto, scrivete a: colazionidigitali@sorgenia.it

 

Le colazioni digitali di Corriere Innovazione in Sorgenia si pongono l’obiettivo di promuovere la cultura del rinnovamento in ogni aspetto della nostra vita. Dallo sport all’architettura, dalla musica alla salute, dall’energia all’impresa, dalla società al design fino ad arrivare all’istruzione. Un format giovane per conversazioni con personalità chiave in ciascun ambito tematico, guidate dai migliori giornalisti di Corriere della Sera per imparare a leggere i cambiamenti in atto nella società offrendo un "assaggio di futuro".