Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Classi Energetiche Elettrodomestici: ecco Cosa Sono

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Classi Energetiche Elettrodomestici: ecco Cosa Sono

Scopri nella nostra guida cosa sono le classi energetiche degli elettrodomestici e come acquistare elettrodomestici che permettono di risparmiare sulla bolletta

Le classi energetiche degli elettrodomestici permettono di poter scegliere e acquistare il modello più efficiente per le proprie esigenze. Ad esempio, un apparecchio di classe “A” consuma molta meno energia elettrica, a parità di prestazioni e caratteristiche tecniche, di un altro di classe “G”.

Le classi energetiche permettono quindi di risparmiare sulla bolletta della fornitura di energia elettrica e di proteggere l’ambiente, infatti, gli elettrodomestici più sostenibili permettono di ridurre le emissioni di gas serra.

 

COSA SIGNIFICANO LE CLASSI ENERGETICHE DEGLI ELETTRODOMESTICI

Gli elettrometrici, anche se hanno le stesse funzioni, non funzionano tutti allo stesso modo. Alcune tipologie possono consumare più energia elettrica e altre risultare più sostenibili, perché riescono a far risparmiare l’utente sul costo della bolletta e permettono di salvaguardare l’ambiente. Per aiutare nella scelta chi acquista un nuovo elettrodomestico, l’Unione Europea ha deciso di suddividere la categoria in etichette di classi energetiche, che devono essere obbligatoriamente ben visibili su ogni apparecchio.

Ma che significato ha la classe energetica degli elettrodomestici?

La direttiva 92/75/CEE dell’Unione Europea del 1992 ha stabilito un’etichettatura per indicare l’efficienza energetica degli apparecchi che vengono utilizzati in casa. Ogni tipo di elettrodomestico viene etichettato in base ad una “Classe di consumo energetico”, ovvero una scala che fa riferimento a valori medi europei. Le classi vanno dalla “A” (bassi consumi) a “G” (alti consumi). Sull’etichetta, oltre a trovare la lettera che specifica la classe di consumo, viene indicato anche un colore: verde per gli apparecchi più efficienti e rosso per i meno virtuosi.

 

 

CLASSI ENERGETICHE A+, A++, A+++

Nel 2010 le classi energetiche sono state ampliate per inserire ulteriori tre fasce energetiche alla classe A:

-          A+. Ha un significato ben specifico, perché rappresenta quella classe di elettrodomestici che consumano fino al 25% in meno rispetto alla sola classe “A”;

-          A++. Questi elettrodomestici consumano fino al 50% in meno rispetto alla fascia “A”;

-          A+++. Sono inseriti gli elettrodomestici che permettono di risparmiare fino al 60% di energia elettrica rispetto alla classe A. Fino al 60% per frigoriferi e congelatori, 30% per lavastoviglie e lavatrici.

 

 

CLASSE ENERGETICA FRIGORIFERO: QUAL È LA MIGLIORE?

 

L’etichetta energetica si trova sugli apparecchi per la refrigerazione per uso domestico come frigoriferi e congelatori. Grazie a questa etichetta si può già capire il consumo di energia dell’apparecchio che si sta scegliendo.

In termini economici, optare per un elettrodomestico efficiente può far risparmiare sulla bolletta. Secondo i dati raccolti dall’Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, il risparmio economico può essere di circa 100 euro l’anno se si sceglie una classe energetica del frigorifero A+++. Nello specifico, si è preso in esame un frigorifero da 300 litri:

-          classe A+++, consumo annuo inferiore a 138 kWh/anno per un costo di 25 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe A, consumo annuo di circa 343 kWh/anno per un costo di 50 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe B, consumo annuo di circa 468 kWh/anno per un costo di 62 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe C, consumo annuo di circa 593 kWh/anno per un costo di 107 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe D, consumo annuo di circa 687 kWh/anno per un costo di 124 euro (all’anno) di energia elettrica.

Ricordiamo che dal 1 luglio 2012, secondo le direttive europee, è vietata la vendita di frigoriferi con classe energetica inferiore all’ A+.

 

CLASSE ENERGETICA LAVATRICE: ECCO QUANTO SI RISPARMIA CON LA A+++

Anche scegliere una lavatrice efficiente può fare risparmiare sul costo in bolletta elettrica. È consigliato controllare sempre l’etichetta con la classe energetica dell’elettrodomestico per poter valutarne la convenienza. L’Enea ha calcolato i consumi annui di una lavatrice, prendendo per esempio un apparecchio da 6 kg:

-          classe A+++, consumo annuo inferiore a 154 kWh/anno per un costo di 28 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe A, consumo annuo di circa 226 kWh/anno per un costo di 41 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe B, consumo annuo di circa 256 kWh/anno per un costo di 46 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe C, consumo annuo di circa 289 kWh/anno per un costo di 50 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe D, consumo annuo di circa 290 kWh/anno per un costo di oltre 62 euro (all’anno) di energia elettrica.

Secondo recenti direttive dell’Unione Europea, dal 1 dicembre 2011 è vietata la vendita comunitaria di lavatrici con classe energetica inferiore ad A.

  

CLASSI ENERGETICHE LAVASTOVIGLIE: ECCO QUALI SONO

Scegliere una lavastoviglie con classe energetica elettrodomestici A+++ può far risparmiare molto, rispetto allo stesso apparecchio di classe D. In questo caso i consumi sono stati calcolati su una lavastoviglie da 12 coperti:

-          classe A+++, consumo annuo inferiore a 231 kWh/anno per un costo inferiore a 42 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe A, consumo annuo di circa 327 kWh/anno per un costo di 59 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe B, consumo annuo di circa 369 kWh/anno per un costo di 67 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe C, consumo annuo di circa 415 kWh/anno per un costo di 75 euro (all’anno) di energia elettrica;

-          classe D, consumo annuo superiore a 416 kWh/anno per un costo di oltre 75 euro (all’anno) di energia elettrica.

Gli ultimi aggiornamenti delle direttive europee vietano la vendita di lavastoviglie di classe energetica inferiore ad A.