Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Whoosnap, la startup Made in Italy che rivoluziona il giornalismo

  1. Home
  2. What's next
  3. Whoosnap, la startup Made in Italy che rivoluziona il giornalismo

Nata dall’idea di due giovani pugliesi, la piattaforma, che a maggio sarà disponibile anche su dispositivi Android, promette di fare concorrenza a Periscope. Scianaro: “Tutto è in tempo reale e senza filtri. Numerosi i vantaggi per chi fa cronaca”

Nel vasto panorama delle startup Made in Italy ce ne è una Whoosnap, molto ambiziosa, che intende rivoluzionare il modo di fare giornalismo e l’organizzazione delle aziende che si occupano di prodotti editoriali, e che si prepara a conquistare il mondo dopo i risultati raggiunti nel nostro Paese in questi primi mesi di attività. L’idea alla base di è semplice e innovativa: si tratta di una applicazione che permette a chiunque di richiedere un’immagine, statica o in movimento, anche a centinaia di chilometri di distanza.

 

CONDIVIDERE E VENDERE IMMAGINI IN TEMPO REALE: IL FUTURO DELL’INDUSTRIA EDITORIALE

È così possibile condividere e vendere una foto scattata o un video girato in un determinato momento e in un luogo stabilito. Il progetto, che promette di far concorrenza al famoso Periscope, arriva direttamente da due ragazzi pugliesi. “Ero a casa a Fasano e avevo bisogno della foto di un evento che si stava svolgendo a Roma in quel momento, ma non ne trovavo traccia né sui social né sui motori di ricerca. Così ho cominciato a pensare ad una piattaforma interattiva per la richiesta di immagini in tempo reale”. Così Enrico Scianaro, 27 anni, laureato in Economia e Ceo della neonata impresa insieme all’amico sviluppatore Vito Arconzo, racconta a Energie Sensibili come è nato questo progetto.

Attualmente l’applicazione è disponibile solo per utenti iOS, ma da maggio sarà scaricabile anche su Android. Gli iscritti superano già quota diecimila, ma il fenomeno è destinato a crescere sempre di più. Anche perché l’obiettivo di Scianaro e della sua squadra è molto più ambizioso di quello che sembra. “Noi vogliamo trasformare il mondo del giornalismo e della cronaca: con Whoosnap le notizie arrivano direttamente da chi è in giro: tutto vero e tutto in tempo reale, senza la necessità di aspettare agenzie di stampa e comunicati ufficiali”, sottolinea il Ceo.

 

WHOOSNAP: COME FUNZIONA E I GUADAGNI POSSIBILI

Utilizzare Whoosnap è facilissimo: una volta scaricata l’app, la persona si iscrive e viene geolocalizzata tramite Gps. Da quel momento riceve notifiche se qualcuno gli chiede di fotografare il posto in cui si trova in quel momento, e può viceversa avanzare richieste di qualcosa che gli interessa: un concerto, una manifestazione, vedere quanta gente c’è in un locale prima di avviarsi. Il tutto in maniera gratuita. O meglio, quasi gratuita. Il pagamento avviene infatti con una moneta virtuale, che in futuro sarà cambiata con dei buoni per negozi online o in moneta reale.

 

NON SOLO PERISCOPE: CON WHOOSNAP GARANTITA LA VERIDICITÀ DELLE IMMAGINI

Altro che Periscope, dunque. “Su questa piattaforma – conclude Scianaro - è la persona stessa che mostra video di quello che sta accadendo in quel preciso momento accanto a lei. Con Whoosnap abbiamo invece creato un sistema di richieste che è unico nel suo genere e che rivoluzionerà di sicuro il modo di fare giornalismo, noi speriamo in tutto il mondo. In più garantiamo la veridicità dei materiali: per caricare una foto, infatti, non si può attingere dalla gallery del telefono ed è necessario che venga scattata al momento della risposta. Inoltre, l’applicazione impedisce di effettuare scatti se l’utente non si trova esattamente nel luogo richiesto”.