Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Vetrine virtuali e gestione del cliente: così Google aiuta le imprese

  1. Home
  2. What's next
  3. Vetrine virtuali e gestione del cliente: così Google aiuta le imprese

Geolocalizzazione, recensioni,servizi a domicilio: come il colosso di Mountain View cambia la vita delle piccole aziende

Le dinamiche del web 2.0 stanno progressivamente cambiando i tradizionali clienti in utenti, o meglio, in follower. Le aziende, soprattutto nell'ambito del commercio, del turismo e della ristorazione, si fanno concorrenza a colpi di like, di recensioni e feedback positivi, diminuendo la distanza con il cliente.

Google è tra gli attori principali di questa rivoluzione: grazie alla geolocalizzazione, all'utilizzo integrato di alcune sue funzioni, ma soprattutto al page ranking del suo motore di ricerca, sta spostando l'asticella verso un'ottica sempre più social della gestione aziendale.

GOOGLE LOCAL, UNA VETRINA PER LE AZIENDE LOCALI

Un valido esempio è la funzione Local di Google+, attraverso la quale anche le piccole attività locali possono farsi conoscere dagli utenti. L'obiettivo è consentire loro una ricerca per aree geografiche e esigenze specifiche, dando la possibilità di avere un quadro delle offerte dell'azienda grazie ai commenti e alle recensioni di altri utenti. Per le piccole imprese è uno strumento utile dal punto di vista pubblicitario, comunicativo e di gestione dei clienti: gratuitamente permette di essere raggiunti, contattati da un target molto più esteso rispetto a quello di riferimento, e soprattutto grazie al meccanismo delle “cerchie” di Google+ si crea una sorta di passa parola virale tra i contatti più vicini.

Leggi anche: Google alla riscoperta del Made in Italy con le piccole imprese

 

GOOGLE BUSINESS

Il colosso di Mountain View questa estate ha messo a punto un'altra strategia in questa direzione: dall'accorpamento di Google Places for Business con alcune funzioni di Google+ e di Local, è stato rafforzato Google My Business, pensato e strutturato per le aziende. Questa nuova funzione è stata progettata essenzialmente per permettere alle imprese di ogni tipo e grandezza di far conoscere le informazioni relative al proprio business con più facilità e indipendentemente dal dispositivo con il quale le cerchiamo. Si può scegliere tra tre tipologie di attività:

Vetrina: è il caso di ristoranti, negozi, alberghi che hanno il proprio centro di interesse nella loro sede e quindi vogliono essere geolocalizzati su Maps

Area coperta dal servizio: è l'esempio di taxi, servizi di ristorazione con consegna a domicilio, idraulici, tecnici che svolgono il loro lavoro in un'area, che viene illustrata grazie a Maps

Marche: più slegata dall'ottica local rispetto alle precedenti, è ideale per le piccole e medie imprese che hanno che vogliono far conoscere il proprio marchio, dai gruppi musicali all'abbigliamento, fino alle iniziative di ogni tipo che sponsorizzano un brand.

In più l'azienda può gestire unitamente le funzioni che erano di Place for Business con quelle di My Business, grazie ad una nuova dashboard integrata: dall'accesso alle funzioni più social di Google+ (foto, video, post, cerchie) all'accesso delle recensioniutenti, dal collegamento diretto alle statistiche di Analytics fino a quelle inerenti alla “Scheda Business” che comprende le indicazioni stradali, i click ricevuti, le visualizzazioni di ricerca.

Leggi anche: Google, Condé Nast e RTL per gli aspiranti imprenditori