Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Scuola, le tre novità in arrivo per gli studenti

  1. Home
  2. My generation
  3. Scuola, le tre novità in arrivo per gli studenti

Alternanza con il lavoro valutata nell’esame di maturità, i percorsi abbreviati e la Carta dei diritti e dei doveri dello studente

Gli studenti di tutta Italia torneranno sui banchi di scuola tra il 12 e il 15 settembre (tranne che nella Provincia di Bolzano, dove la prima campanella suonerà molto prima, ovvero il 5 settembre). Tra le principali novità di quest’anno, secondo le direttive della Legge 107, la cosiddetta “Buona Scuola”, c’è il potenziamento dei programmi di alternanza scuola-lavoro, per favorire l’incontro degli studenti con il mondo delle imprese.

Il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannino ha inoltre annunciato la presentazione, all’inizio del nuovo anno scolastico, della Carta dei Diritti e dei Doveri dello Studente. Il documento servirà a certificare le scelte e le valutazioni dello studente in merito al proprio percorso formativo.

Sempre per facilitare il passaggio dal mondo dello studio a quello del lavoro, il Miur ha inoltre riattivato i programmi scolastici abbreviati, che riducono a soli quattro anni i percorsi delle scuole superiori.

 

SCUOLA-LAVORO VALUTATO NELLA MATURITÀ

Dopo la sperimentazione dell’anno precedente, un numero molto maggiore di studenti delle scuole superiori avrà nel 2016-2017 la possibilità di affacciarsi preventivamente al mondo professionale, attraverso i programmi di alternanza scuola-lavoro. Grazie al Decreto Giannino sono già pronti infatti circa 1,6 milione di euro per rilanciare i percorsi di apprendistato, con la collaborazione di 12 nuove grandi aziende di livello nazionale.

Lo scorso anno i programmi avevano riguardato solo le terze classi degli Istituti Tecnici e delle Scuole Professionali, coinvolgendo circa 700 mila studenti. Quest’anno il progetto toccherà anche i licei e le quarte e le quinte classi, raggiungendo oltre il milione e mezzo di studenti.

Secondo le indicazioni del Ministro Giannino, l’alternanza scuola-lavoro avrà un peso significativo  sull’Esame di Maturità 2017, anche se le modalità non sono state ancora definite.

 

LA CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DELLO STUDENTE

Entro ottobre 2016 il Miur presenterà ufficialmente la Carta dei Diritti e dei Doveri dello Studente. Il documento nasce con lo scopo di regolare il comportamento degli studenti all’interno dell’istituto scolastico, nei confronti dei propri docenti e dei propri compagni. La Carta sancisce inoltre i diritti inviolabili dello ogni studente, dalla libera espressione di pensiero all’accesso ad informazioni sul percorso didattico intrapreso.

Quest’anno, in particolare, la Carta conterrà indicazioni precise per regolamentare i programmi di alternanza scuola-lavoro. L’impresa di riferimento dovrà garantire un ambiente di lavoro accogliente e sicuro, mentre lo studente dovrà rendere conto delle attrezzature che gli verranno affidate. Alla scuola di appartenenza, invece, sarà affidato il compito di organizzare appositi corsi sulle nome di comportamento sul luogo di lavoro e fornire all’alunno un tutor interno.

 

PERCORSO SCOLASTICO ABBREVIATO: IL LICEO IN 4 ANNI

Altra novità importante, per l’anno scolastico che sta per aprirsi, è la possibilità per alcuni licei e istituti tecnici di offrire un percorso formativo abbreviato, ossia 4 anni invece di 5. Si tratta di un curriculum scolastico sintetico ma valido anche a livello europeo. Le scuole che vorranno aderire dovranno proporre un’offerta formativa moderna, inclusiva di ricerche sulle nuove tecnologie, lo studio approfondito di una lingua straniera e, naturalmente, un programma di alternanza scuola-lavoro.

In molti licei del Paese il percorso abbreviato era stato bloccato nel 2014. Oggi il Miur ci ripensa e concede a circa 70 scuole superiori d’Italia la possibilità di ridurre a soli 4 anni la propria offerta formativa. Le classi dovranno essere di non più di 25 studenti e non meno di 15.