Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Risparmiare energia? Più attenzione alle abitudini quotidiane

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Risparmiare energia? Più attenzione alle abitudini quotidiane

Secondo una ricerca dell’Agenzia ambientale europea nel 2010 abbiamo consumato il 13% e inquinato il 25% in più rispetto al 1990. Ecco come invertire il trend

Non serve guardare lontano a Europa 2020: per tagliare del 20% le emissioni di CO2 nell’atmosfera basterebbe prestare più attenzione ai nostri gesti quotidiani, comprendere il costo ambientale della nostra routine domestica per salvare più aria, acqua e alberi di qualsiasi grande intesa internazionale. È quanto sostiene l’Agenzia ambientale europea (Eea) nel suo ultimo studio dal titolo “Raggiungere l’efficienza energetica cambiando i comportamenti dei consumatori: cosa comporta?”, pubblicato il 9 aprile.

 

Da sempre le iniziative nazionali e internazionali per la promozione dell’efficienza energetica e la riduzione dei consumi sono basate su alcuni punti cardine: pubblicità e comunicazione, incentivi economici o disincentivi, leggi e regolamenti. È mancata invece, sostiene l’Eea, un’attenzione specifica ai comportamenti dei cittadini, alla loro routine quotidiana di consumi (e sprechi!) dettata da norme sociali e tradizioni culturali. Si è cercato, cioè, di cambiare abitudini radicate attraverso la normativa o interventi sul prezzo di acqua, elettricità e gas anziché studiare quei comportamenti per modificarli dalla base.

 

Stando ai risultati della ricerca è stato dimostrato che una delle iniziative più efficienti, al di là delle grandi manovre governative, è quella di installare a domicilio contatori “intelligenti”, cioè in grado di mostrare in tempo reale il consumo di energia per le attività domestiche. Farsi una doccia oppure la barba e leggere sul display quanta CO2 ci “costa” quel semplice gesto quotidiano aiuterebbe, insomma, a modificare tante cattive abitudini.

 

Lo stesso vale per le bollette: secondo la ricerca dell’Eea più sono dettagliate e più i consumatori sono portati a imparare il costo ambientale della propria routine, secondo il principio del learning by reading. Si stima che queste due piccole accortezze potrebbero indurre i consumatori a cambiare le proprie abitudini e a tagliare le emissioni di gas serra rispettivamente del 5-15% i contatori smart, e del 2-10% le bollette, con punte più alte in caso di crisi economica (mentre l’emergenza climatica ancora non è percepita come un’urgenza in grado di modificare i comportamenti e i consumi degli utenti).

 

Un altro strumento che si è rivelato utile per aiutare gli utenti a capire se il proprio dispendio di energia è eccessivo sono gli audit energetici (monitoraggi su come viene utilizzata l’energia) che la direttiva 2010/31/EC sulle performance energetiche degli edifici ha reso obbligatori per le grandi imprese e facoltativi per le pmi. Ad esempio in Norvegia un programma di audit rivolto alle imprese ha contribuito a far risparmiare il 6% di energia.

 

Restano fondamentali infine, per accrescere la consapevolezza dei cittadini, le iniziative sociali cioè tutti quei piccoli e grandi eventi in grado di mobilitare la comunità e coinvolgerla in progetti green. Il programma di informazione e comunicazione EcoTeam ad esempio, che ha coinvolto 153 utenti olandesi e oltre tremila inglesi nella seconda metà del Duemila, ha contribuito a tagliare i consumi di gas del 21%, di acqua del 15%, di elettricità del 7%.

 

Per salvare il Pianeta, insomma, oltre alla green economy e alle tecnologie verdi bisogna investire nelle scienze sociali. Un cittadino europeo di oggi inquina il 25% in più rispetto ai primi anni Novanta: modificare la nostra routine quotidiana è allora il primo e più importante passo per invertire la rotta. Studiare il comportamento delle persone in termini di consumo di acqua ed elettricità aiuterà a tagliare gli sprechi, tanto quanto le politiche di incentivi economici e i regolamenti internazionali.