Sorgenia
cerca
Accedi accedi

A Posada le vacanze da sogno dell’estate 2013

  1. Home
  2. Life
  3. A Posada le vacanze da sogno dell’estate 2013

Il Comune in provincia di Nuoro premiato con le 5 vele della Guida Blu da Legambiente e Touring Club. Seguono Santa Marina Salina e Pollica. Il Tirreno il mare più pulito

Poco più di tremila abitanti, dune da sogno lungo otto chilometri di spiaggia e un mare suggestivamente incontaminato. Posada, cittadina in provincia di Nuoro, con queste sue caratteristiche naturali è la regina dell’estate 2013: Legambiente e Touring Club l’hanno infatti premiata con le 5 vele della Guida Blu 2013 per aver saputo puntare sull’ecoturismo, riuscendo ad offrire vacanze di qualità e rispettose dell’ambiente. Non è da meno il Comune di Santa Marina Salina, in provincia di Messina, e quello di Pollica, nel Cilento, piazzatisi rispettivamente al secondo e terzo nella speciale classifica stilata dall’associazione ambientalista, che comprende ben 15 coste mozzafiato distribuite lungo la Penisola.

 

Posada è una delle 17 località che hanno fatto della Sardegna la regione più ricca di centri a 4 e 5 vele. È il Tirreno, dunque, il mare a far maggior incetta di premi. Nel Comune del nuorese ad essere sotto i riflettori è stato soprattutto il grande progetto di salvaguardia ambientale del sistema costiero, che ha permesso la rinaturalizzazione delle dune su un fronte di 8 km ed ha consentito anche il rifacimento del ponte di accesso alla spiaggia di “Su Tiriarzu”. Va avanti la custodia e la vigilanza della famosa pineta di Orvile e dei parcheggi che, previo pagamento di un ticket, danno l’accesso al mare e ad una visita guidata del centro storico. Bene anche la gestione dei rifiuti: è stato infatti attivato un ecocentro comunale che permetterà di incrementare la percentuale di raccolta differenziata, già per altro abbastanza elevata.

 

Una meta da favola per le proprie vacanze: mare pulito, salvaguardia del territorio e rispetto del patrimonio enogastronomico locale. Per chi preferisce l’altra grande isola italiana, la Sicilia, una puntatina è d’obbligo a Santa Marina Salina. Nella splendida cornice dell’arcipelago delle Eolie, il Comune è stato premiato per il suo costante impegno nella cura del territorio, nell’intraprendere politiche energetiche e di buona gestione dei rifiuti, acquistando un bio-trituratore per l’eliminazione di tutti gli scarti vegetali prodotti nel territorio.

 

Lungo lo Stivale, una perla rara è rappresentata anche da Pollica, in provincia di Salerno, che si è contraddistinta per la riduzione del consumo idrico mediante l’implementazione di un sistema di trattamento delle acque di depurazione che ne consente il riuso per consumi non potabili. È inoltre in prima linea per la costituzione di un network internazionale per la diffusione della Dieta Mediterranea quale modello economico di sviluppo sostenibile che veda la tutela e la valorizzazione della biodiversità, della cultura e della tradizione quale principale punto di forza.

 

Seguono Castiglione della Pescaia, in provincia di Grosseto, e Villasimius, nel cagliaritano. Tra le new entry del 2013 si segnalano, inoltre, Vernazza, in provincia di La Spezia, Otranto e Nardò, entrambe nel leccese. “Le località premiate con le 5 vele e l’originale ed efficace sistema di valutazione della qualità ambientale e dei servizi messo in piedi da Legambiente e Touring club, rappresentano il miglior antidoto alla grave crisi economica che sta attraversando il nostro Paese – ha commentato Angelo Gentili, Responsabile Turismo di Legambiente -. È proprio attraverso una maggiore qualificazione dell’offerta turistica rivolta a valorizzare le migliori risorse paesaggistiche e naturalistiche della Penisola, che si può riuscire ad intercettare un turismo nazionale ed internazionale particolarmente attento a scelte che premiano gli operatori del settore e le amministrazioni locali che vanno in questa direzione”. La guida sarà in libreria a partire dal 3 luglio.