Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Momo, il robot made in Italy per la casa smart

  1. Home
  2. What's next
  3. Momo, il robot made in Italy per la casa smart

Creato da una startup siciliana, regola la luce e tiene sotto controllo gli elettrodomestici per rendere le abitazioni più efficienti e confortevoli

Si chiama Momo, viene da una startup siciliana ed è il primo robot domestico applicato alla domotica in grado di rendere più efficiente la nostra casa. Non si tratta di un semplice collaboratore casalingo che aiuta nelle faccende di tutti i giorni, ma di un utilissimo strumento capace di monitorare tutti gli aspetti di un’abitazione. Dal controllo delle luci a quello della temperatura, dalla gestione dei livelli di gas fino al riconoscimento delle richieste d’aiuto e molto altro ancora.

 Sviluppato da Morpheos, startup siciliana dell’incubatore Digital Magics Palermo, si è aggiudicato il bando Smart & Start Italia ottenendo un finanziamento di 828.200 euro.

 

CHI È MOMO

Momo è un robot per l’innovazione e l’efficienza domestica pensato per il mercato delle smart home. Alla base ha un sistema di Intelligenza Artificiale che gli consente di capire ed eseguire i comandi umani. Ciò che lo rende diverso da tutti gli altri robot è però la capacità di adattarsi ai vari ambienti della casa e ai cambiamenti interni, evitando, grazie alle sue funzioni intelligenti, gli sprechi tipici dovuti alle cattive abitudini in fatto di consumi energetici.

È dotato di sensori specifici per il controllo dell’ambiente (fotocamera, microfono, termometro, rilevatore di gas, ecc), e per essere gestito da remoto (led, altoparlanti, connessioni wireless, ecc).

 

EFFICIENZA E RISPARMIO IN CASA: COME FUNZIONA MOMO

La principale mission del progetto è garantire un consumo efficiente e intelligente dell’energia in casa. A questo scopo, il robot inizia con il riconoscimento di tutti i dispositivi tecnologici presenti nell’ambiente domestico, un dettaglio utile a monitorare costantemente l’utilizzo dell’abitazione.

Per esempio, Momo è progettato per gestire gli impianti domestici, come il riscaldamento. Se in una stanza sono presenti più persone, può quindi abbassare in modo autonomo la temperatura, riducendo così sprechi e risparmiando sulla bolletta. Sulla base dello stesso principio, controlla accensione, spegnimento e intensità  delle luci di un ambiente.

 Il robot, secondo quanto dichiarato dai costruttori, non richiede né configurazioni né installazioni, bisogna solo collegarlo ad una presa elettrica. Il software all’interno di Momo si collega inoltre a smart-Termostati, smart-Lampadine e smart-TV, ma può interfacciarsi anche con normali elettrodomestici e sistemi di illuminazione o di riscaldamento grazie a semplici adattatori.

 

UN ROBOT PER LA SICUREZZA DELLA CASA

Uno degli aspetti più interessanti di Momo è il suo supporto nel garantire la sicurezza degli abitanti della casa. Avvertendo suoni specifici, come il pianto di un bambino o il lamento di una persona anziana in difficoltà, Momo può entrare in azione in vari modi.

Può ridurre il volume dei rumori che disturbano il sonno del piccolo o, nel caso di richieste d’aiuto o incidenti domestici, contattare chi è in grado di prestare soccorso con un messaggio o telefonicamente.

Sul piano della sicurezza domestica, Momo è stato sviluppato per individuare tentativi di effrazione, livelli di gas e di fumi oltre la norma.

 

MOMO, LO SMART ROBOT ECONOMICO

Il costo è un elemento che dovrebbe contribuire a rendere Momo interessante. Edoardo Scarso e il fratello Davide, fondatori di Morpheos garantiscono che avrà un prezzo accessibile e conveniente. Al momento non sono stati resi noti dettagli sul costo, che dovrebbe aggirarsi intorno a quello di uno smartphone di ultima generazione.

Secondo gli sviluppatori, il risparmio è comunque elevato: per acquistare oggi una singola funzione domotica già incorporata da Momo bisognerebbe infatti spendere un terzo del prezzo (futuro) del robot.

Sommando tutti gli impianti di domotica che dovrebbero essere acquistati per rendere smart un’abitazione (già tutti presenti nel robot), il costo complessivo lieviterebbe quindi considerevolmente.