Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Innovazione, ecco il Libro Bianco per le startup

  1. Home
  2. What's next
  3. Innovazione, ecco il Libro Bianco per le startup

Prodotto dal ventur incubator Digital Magics, propone gli otto punti per sviluppare le nuove imprese innovative: dalle agevolazioni all'internazionalizzazione

Otto punti per dare nuova linfa al sistema dell'innovazione in Italia favorendo lo sviluppo delle startup digitali. È il contenuto del Libro Bianco per le startup, prodotto dal ventur incubator Digital Magics.

 

I contenuti sono rivolti a tutti i protagonisti della filiera digitale italiana, attraverso nuovi spunti, idee e osservazioni di tutti gli operatori che hanno collaborato alla stesura del libro. Il volume è stato presentato in occasione dell'Internet Festival 2015 organizzato da Talent Garden e Digital Magics.

Le ricette individuate per favorire la crescita delle startup sono otto e riguardano tutti i punti deboli del sistema imprenditoriale innovativo.

 

AGEVOLAZIONI FISCALI

Il primo punto riguarda le agevolazioni fiscali, attraverso una revisione del credito d'imposta Irpef dal 19% fino al 30-40%. In sostanza, si tratterebbe di applicare anche in Italia il metodo anglosassone. Inoltre, il volume raccomanda la deducibilità dell'Ires al 30%.

 

OPEN INNOVATION

Un altro vantaggio per le imprese sarebbe l'introduzione di facilitazioni fiscali, come la rimozione delle spese amministrative per le Pmi in merito alle attività di Open Innovation. Si tratta di tutti gli acquisti di prodotti e servizi da startup per l'innovazione.

 

POTENZIARE IL CROWDFUNFINDG

Tale processo si potrebbe verificare grazie alla revisione del regolamento Consob sull'equity crowdfunfind, rivedendo al rialzo le soglie di non applicazione degli obblighi relativi alla Direttiva sui mercati degli strumenti finanziari (MiFID).

Un altro vantaggio a favore delle imprese sarebbe la rimozione del vincolo di sottoscrizione da parte delle banche del 5% del capitale.

 

INVESTIMENTI IN INNOVAZIONE

Secondo il Libro Bianco la crescita passerebbe anche attraverso gli investimenti diretti o indiretti alle startup, che diventerebbero maggiori grazie alle semplificazione normativa

 

FONDO DI MATCHING PER SEED CAPITAL

Il gruppo di lavoro di Digital Magics pensa che la creazione di un Fondo di matching con Cassa Depositi e Prestiti sia uno dei punti per sviluppare le startup. Per favorirne la nascita dovrebbero partecipare player industriali italiani, investitori istituzionali e qualificati che coinvestano con il Fondo in fase seed (fino a un milione di Euro), con la possibilità di effettuare operazioni successive fino a 1,5 mln.

 

INTERNAZIONALIZZAZIONE

La scalabilità delle imprese nostrane potrebbe essere agevolata dalla creazione di un Italian Founders Institute, con esperti internazionali, per la promozione del Made in Italy attraverso programmi di accelerazione, agevolazioni per il rimpatrio di personale qualificato dall'estero con conseguenti benefici sia per i lavoratori che per gli imprenditori.

 

FINANZIAMENTO REGIONALE

Servirebbe un accesso anche ai fondi regionali, oltre a quelli comunitari, attraverso l'armonizzazione delle regole.