Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Il boom delle imprese femminili, tra agevolazioni e iniziative

  1. Home
  2. What's next
  3. Il boom delle imprese femminili, tra agevolazioni e iniziative

Dai voucher per baby sitting ai concorsi oragnizzati dall'Expo Milano 2015, fino agli aiuti per maternità e malattia: come si incentivano le aziende in rosa

Sono sempre di più le aziende in rosa in Italia: capitanate da donne, molte sotto i 35 anni. Una fotografia che racconta più settori: dall'agroalimentare al sociale, dall'agricoltura alla R&D e che interessa contemporaneamente più regioni. A detenere il primato ci sono LombardiaLazio e Campania che insieme registrano più del 33% delle imprese femminili; va sottolineato che il Mezzogiorno raggruppa alcuni degli esempi più virtuosi di sviluppo imprenditoriale femminile: in particolare Benevento può considerarsi la capitale con 3 aziende su 10 guidate da donne.

Sono diversi gli enti che supportano la crescita dell'imprenditoria femminile attraverso incentivi e agevolazioni che coprano i periodi di malattia e maternità, come l'iniziativa promossa da Confartigianato attraverso lo sportello Artigiancassa Spa. Importanti novità anche sul voucher baby sitter, con  un contributo di 600 euro mensili da utilizzare per il servizio di baby sitting, per quelli provati accreditati o quelli per l'infanzia. 

Il connubio donna-cibo si esprime attraverso i due concorsi organizzati da Expo 2015: Progetti delle donne con in palio tre premi da 40mila, 30mila e 10mila euro per le idee più interessanti presentati dalle imprenditrici sul tema "Nutrire il Pianeta, Energia per la vita"; Progetti per le donne invece si rivolge a Ong, pmi e associazioni che abbiano svolto attività o iniziative a favore delle donne. 

LEGGI LO SPECIALE SULL'IMPRENDITORIA FEMMINILE