Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Dal governo ok all’Agenda verde del Paese

  1. Home
  2. Life
  3. Dal governo ok all’Agenda verde del Paese

Approvato dal Consiglio dei Ministri il ddl Ambiente, collegato alla legge di Stabilità. Il pacchetto di norme riguarda la green economy, la difesa del suolo e il sistema idrico

L’Italia ha la sua “agenda verde”. Il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge contenente un pacchetto di norme a 360 gradi su tutela del territorio e green economy. Si tratta di 30 articoli in cui ci sono provvedimenti riguardanti la protezione della natura, la difesa del suolo, la valutazione di impatto ambientale, gli acquisti e gli appalti verdi, i rifiuti e il sistema idrico. Il decreto in questione è collegato alla legge di Stabilità che in questi giorni è in Parlamento per la sua definitiva conversione.

 

L’obiettivo del governo è quello di attivare in questo modo politiche ambientali virtuose, semplificando il quadro normativo, ma anche di favorire i giusti investimenti e la crescita del Paese grazie ad innovative scelte di politica economica-industriale indirizzate verso uno sviluppo sostenibile. “Questa è una vera e propria sfida per l’Italia: la scommessa è sull’ambiente, il suo rispetto e la sua tutela, ma anche la sua straordinaria potenzialità di sviluppo economico”, ha commentato il ministro Andrea Orlando.

 

ACQUA

Tra le novità più importanti c’è di sicuro quella che riguarda l’acqua. Le norme contenute nel pacchetto rafforzano infatti la natura “pubblica” della risorsa idrica, come richiesto anche da uno dei quesiti a cui hanno risposto gli italiani nel corso del Referendum del 2011. L’Autorità per l’energia elettrica ed il gas dovrà pertanto assicurare a tutti coloro che godono di basso reddito condizioni agevolate per il soddisfacimento dei bisogni fondamentali. Tutto ciò grazie a tariffe proporzionate a chi dispone di un reddito più consistente per garantire che i conti quadrino. Sempre sul fronte acqua è previsto un Fondo di Garanzia che consentirà l’ammodernamento delle reti nazionali.

 

GREEN ECONOMY

Tanti gli incentivi per la green economy, con meccanismi di sostegno al “mercato de materiali e dei prodotti riciclati”. Destinatari delle agevolazioni saranno non soltanto i consumatori ma anche le aziende e gli enti locali per sostenere l’acquisto dei prodotti realizzati con materia derivata dalle raccolte differenziate post consumo in modo da promuoverne il riutilizzo anche in termini energetici. La realizzazione di prodotti del genere apre anche un nuovo mercato in cui piccole e medie imprese possono inserirsi per creare occupazione e innovazione tecnologica.

 

DIFESA DEL SUOLO

Uno dei punti più importanti del ddl Ambiente riguarda le misure per la prevenzione dei disastri idrogeologici. Pertanto, le costruzioni realizzate in aree pericolose da questo punto di vista potranno essere demolite più facilmente  grazie ad uno snellimento delle pratiche burocratiche. “In una stagione molto drammatica di frane e smottamenti - ha commentato il ministro - viene finalmente riorganizzata la filiera dei soggetti che hanno il compito di pianificare gli interventi sul dissesto idrogeologico”. Ancora, numerosi provvedimenti riguardano l’ambito dei rifiuti. Non solo viene incentivata la raccolta differenziata, ma, per incrementarla ulteriormente, si potrà procedere ad un censimento degli inceneritori.

 

PARCHI E VIA

Per i parchi nazionali cambia la procedura per la nomina dei direttori, lasciando al ministro solo quella sul presidente. Semplificazione, celerità, risparmio e trasparenza anche con l’unificazione delle commissioni Via e Aia. 

 

Soddisfazione è stata espressa dalle associazioni ambientaliste per l’approvazione del testo. Prima tra tutte, Legambiente che, tramite il presidente Vittorio Cogliati Dezza, ha fatto sapere che “finalmente dopo tanti anni c’è un ddl ambiente che prova a rimettere in movimento le questioni ambientali tralasciate dalla Legge di Stabilità e che sono un importante volano per rilanciare il Paese e farlo uscire dalla profonda crisi che sta vivendo”