Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Cyclers, l’intelligenza artificiale al servizio dei ciclisti

  1. Home
  2. What's next
  3. Cyclers, l’intelligenza artificiale al servizio dei ciclisti

Un’app per IOS e Android che elabora i dati condivisi da chi va in bici per dare ai ciclisti tutte le informazioni utili per gite indimenticabili

Così come i navigatori hanno rivoluzionato la vita di chi si muove in automobile, iniziano ad affermarsi piattaforme digitali specifiche per chi ha scelto la bicicletta per muoversi in città. Un mezzo migliore, secondo i ciclisti, per affrontare gli spostamenti nel modo più comodo e “razionale”, e rispettare l’ambiente.
Tra gli strumenti più funzionali e all’avanguardia c’è Cyclers, un’app nata in Repubblica ceca che utilizza le possibilità messe a disposizione dall’intelligenza artificiale per facilitare la vita dei ciclisti, offrendo loro tutte le informazioni su:
• dislivelli,
• previsioni meteo in tempo reale,
• possibili soluzioni di intermodalità,
• soluzioni per sfruttare al meglio i mezzi di trasporto pubblici e i servizi di bike sharing.

COSA È CYCLERS

Aiutare il maggior numero di persone a utilizzare di più la bicicletta”. Questo l'obiettivo della piattaforma, disponibile per dispositivi iOS e Android oltre che come web app
Per riuscirci si basa su quattro pilastri:
1. dare tutte le informazioni utili ai ciclisti,
2. motivare e incentivare gli utenti a utilizzare le due ruote,
3. mettere insieme e analizzare i dati prodotti dagli utenti,
4. mettere i risultati a disposizione creando una vera e propria “community”.

L’app è utilizzabile dalle amministrazioni cittadine in modalità “white label”, quindi è completamente personalizzabile dalle città o dalle organizzazioni che decideranno di utilizzarla e, da un punto di vista tecnico, è messa a disposizione dal produttore, urbancylers.com.
Tra le esperienze più riuscite c’è quella della città di Praga, dove Cyclers si è classificata come l’app più popolare tra quelle messe a disposizione dall’amministrazione comunale, e dove il 51% dei ciclisti afferma di aver aumentato l’uso della bici da quando ha iniziato a utilizzare l’app.

LE MAPPE E LE INFORMAZIONI UTILI

Il principio è quello di rendere la vita più semplice ai ciclisti, grazie a informazioni di navigazione accurate, in tempo reale e personalizzate a seconda delle esigenze dei singoli utenti; informazioni che consentono di capire “come e dove - spiegano i promotori dell’app - pedalare in modo sicuro e piacevole, eliminando la paura di imprevisti e aiutando a riscoprire la bellezza dell’andare in bicicletta”. Per riuscirci, l’app integra tutte le informazioni condivise dai ciclisti che la utilizzano, in una sorta di “Waze per bici”, consigliando gli itinerari migliori. Chi è alle prime armi, inoltre, potrà contare su una serie di consigli e di indicazioni di un “istruttore personalizzato”.

MOTIVARE LE PERSONE E INCENTIVARE L'USO DELLA BICI

Per raggiungere quest’obiettivo l’app mette a disposizione una serie di premi e incentivi, con strumenti di gamification che prevedono punti, classifiche e sfide tra utenti e gruppi di utenti. Ma oltre a questi ranking, Cyclers prevede anche la possibilità di assegnare agli utenti veri e propri premi, ad esempio sotto forma di voucher, per chi raggiungerà determinati obiettivi. In questo modo lo strumento può diventare utile per le amministrazioni che vogliano incentivare l’utilizzo delle due ruote in città, anche attraverso campagne di engagement verso la cittadinanza.

L’ANALISI DEI DATI

Man mano che cresce la base utenti, Cyclers – analizzando e filtrando i dati prodotti dai ciclisti – è in grando di fornire informazioni sempre più dettagliate sugli itinerari. La funzionalità raccoglie dati come età, sesso, tipo di mezzo, motivazioni e scopo degli spostamenti, frequenza di utilizzo del mezzo, ma anche indicazioni sulle zone in cui si verificano più incidenti, o dove si rischia di incontrare più traffico, o di impiegare più tempo negli spostamenti in intermodalità.

LA COMMUNITY DEI CICLISTI

Cyclers consente, inoltre, di entrare in collegamento diretto con la community dei ciclisti, e questo potrebbe aprire nuove prospettive di comunicazione. Sarà possibile chiedere a chi va in bicicletta, ad esempio, la propria opinione e coinvolgere così gli utenti in processi partecipativi per le decisioni delle amministrazioni pubbliche che li riguardano, con sondaggi o questionari ad hoc.
L’app consente anche di inviare notifiche push per informare la community su eventi o manifestazioni interessanti per la platea dei destinatari, oltre che survey in-app per scopi specifici, come eventuali campagne “bike2work”, “bike2school” o “bike2shop”.