Sorgenia
cerca
Accedi accedi

C’era una volta la 3^ C, 10 serie tv ambientate a scuola

  1. Home
  2. My generation
  3. C’era una volta la 3^ C, 10 serie tv ambientate a scuola

Quando “studiare in Jeans c’est plus facile” e il giovedì sera non si usciva, che c’era Beverly Hills in prima serata

La prima campanella è ormai alle porte. La fine delle vacanze, si sa, può essere un po’ traumatica ma per molti ragazzi il rientro a scuola significa anche ritrovare quei compagni con i quali, nel bene o nel male, si condividono le esperienze di gran parte dell’anno.  La scuola non è quindi solo il luogo dove bisogna studiare per evitare brutti voti. Come invece la TV ci ha “insegnato” fin dagli Anni ’80, tra i banchi possono nascere grandi amori, amicizie inossidabili e incredibili avventure. Ecco le 10 serie televisive che hanno accompagnato le diverse generazioni nei loro anni scolastici.

 

I RAGAZZI DELLA 3^ C

All’inizio della nostra “top ten” non poteva ovviamente mancare la capostipite di tutte le serie scolastiche, almeno italiane. Ambientata in un tipico liceo classico, il “Giacomo Leopardi”, la serie fu trasmessa dal 1987 al 1989. Gli elementi fondamentali ci sono già tutti. Una classe di personaggi indimenticabili, dall’eterno ripetente Chicco Lazzaretti all’imbranato ante litteram Bruno Sacchi, fino al professore di italiano severo ma in fondo interessato esclusivamente al bene dei propri alunni. La sigla della seconda stagione, scritta da Augusto Martelli, contiene un ritornello rimasto poi nell’immaginario collettivo per anni: “Studiare in jeans c’est plus facile”.

 

BAYSIDE SCHOOL

Il titolo originale era Saved by the Bell (“Salvati dalla campanella”). Si tratta di una sit-com americana, trasmessa in Italia a partire dal 1993, che segue le vicende di sei studenti di liceo tra amori, pettegolezzi e situazioni paradossali, affrontate dai protagonisti in modo infantile e molto sopra le righe. Neanche a dirlo, il format è divenuto un modello per moltissime produzioni targate Disney Channel e Nickelodeon.

 

COLLEGE

Nata sull’onda del successo dell’omonimo film del 1984, la serie, girata nel 1989, segue le vicende amorose di un gruppo di studentesse di un prestigioso college femminile che si trova “casualmente” a pochi passi da un’accademia militare. Saranno ovviamente scintille tra gli allievi ufficiali e le figlie di papà.  Da sottolineare la presenza della bellissima Federica Moro, Miss Italia nel 1982, protagonista sia del lungometraggio che della serie. Ricordiamo con piacere anche la partecipazione di Fabio Ferrari e Fabrizio Bracconieri, rispettivamente Chicco e Bruno Sacchi ne “I Ragazzi della Terza C”, che all’epoca fecero un grande effetto nostalgia a chi già rimpiangeva la fine della serie ambientata al Giacomo Leopardi. 

 

BERVERLY HILLS 90210

In realtà eravamo in dubbio se inserire Berverly Hills 90210 nella “top ten” delle serie televisive scolastiche, tanto che la redazione si è spaccata in due. Per alcuni di noi, infatti, le vicende di Brendon e Brenda Walsh sono sì un tipico “teen drama” americano ma toccano solo marginalmente il mondo della scuola, mentre per gli altri le atmosfere dell’esclusivo West Beverly High School frequentato dai protagonisti sono il background fondamentale delle loro vicende, almeno all’inizio della serie. Alla fine abbiamo deciso di inserirlo. Il motivo? Non c’è uno di noi che non sappia fischiettare il motivo della sigla.

 

I RAGAZZI DEL MURETTO

Tra il 1991 e il 1996 questa serie spaccò l’Italia in due, contendendosi ogni giovedì sera il pubblico giovanile con Beverly Hills 90210. I protagonisti sono un gruppo di liceali che si incontrano il pomeriggio presso il muretto di Piazza Mancini nel quartiere Flaminio di Roma. I problemi affrontati sono i soliti, dagli amori adolescenziali alle difficoltà con i genitori e gli insegnanti. Col passare degli episodi i temi trattati si fanno più profondi, dalla droga al razzismo, dall’omosessualità all’aborto.  Da notare che alcune delle sigle della serie, realizzate dagli Stadio, sono diventati degli autentici tormentoni degli anni ’90: “Generazione di fenomeni” e “Un disperato bisogno d’amore”, tanto per citarne due.

 

CARO MAESTRO

Abbandoniamo per un momento i problemi adolescenziali per avvicinarci al mondo dei più piccoli. In questa serie infatti, trasmessa dal 1996 e il 1997, Marco Columbro è un supplente di scuola elementare sensibile e perspicace che riesce a risolvere le diverse difficoltà familiari e psicologiche dei propri alunni. Tra i bambini della sua classe non possiamo non ricordare Roberta Scardola, la Carlotta de “I Cesaroni” e Margot Sikabonyi, che interpreterà qualche anno dopo Maria Martini in “Un medico in famiglia”. Indimenticabile invece la presenza della grande Franca Valeri nel ruolo dell’anziana  bidella Elvira.

 

DARIA

Torniamo ai tipici licei made in USA e trasformiamoli in un cartoon caratterizzato da un disegno essenziale e da dialoghi graffianti. Il risultato è Daria, serie realizzata negli studios di MTv e trasmessa dal 1997 al 2001. La protagonista è Daria Morgendorfen, una tipica nerd americana molto intelligente, cinica e asociale che stenta a inserirsi in un sistema sociale che si basa esclusivamente sull’apparenza e sull’appartenenza a qualche gruppo ben definito.

 

LAMÙ

Tra le serie televisive ambientate a scuola, non poteva mancare anche un classico dei cartoni animati giapponesi anni ’80. Parliamo di Lamù, trasmesso in Italia a partire dal 1983. La storia segue le vicende di Ataru Moroboshi, tipico studente liceale sfigato e donnaiolo, perseguitato da un’affascinante aliena (la Lamù del titolo) che si innamora perdutamente di lui. Le conseguenze di questo folle amore finiscono regolarmente col riversarsi sul personale e sulle mura stesse dello sfortunato liceo Tomobiki, che fa da sfondo alla storia.

 

I LICEALI

Ci avvinciamo un po’ ai giorni nostri con “I Liceali”, serie trasmessa tra il 2008 e il 2011. Il protagonista è un professore di italiano di periferia, interpretato da Giorgio Tirabassi, che ottiene inaspettatamente una cattedra presso un liceo classico di Roma, il Colonna (ambientato in realtà al Mamiani). La produzione sembra molto legata all’attualità, tanto che la scena di una protesta studentesca è stata realizzata utilizzando riprese di una reale manifestazione contro la riforma Gelmini del 2008. Eppure la serie è stata anche aspramente criticata dagli stessi studenti del Mamiani, che si sono sentiti offesi dalla presentazione di stereotipi di adolescenti lontani dalla propria realtà.

 

FUORICLASSE

Dopo Tirabassi è il turno di Luciana Littizzetto a vestire i panni di una docente in lotta per conquistare i cuori dei propri studenti e risolverne suo malgrado i problemi. La serie, trasmessa dal 2011 al 2015, è tratta da alcuni racconti dello scrittore Domenico Starnone: Ex cattedra, Fuori registro e Sottobanco. Le vicende sono ambientate nell’immaginario liceo scientifico "Caravaggio" di Torino.