Sorgenia
cerca
Accedi accedi

5 trucchi per consumare meno con il frigorifero - VIDEO

  1. Home
  2. Smart energy
  3. 5 trucchi per consumare meno con il frigorifero - VIDEO

Come risparmiare sulla bolletta posizionando l’elettrodomestico nel luogo giusto e selezionando la temperatura consigliata

Il frigorifero è l’elettrodomestico che non dorme mai. Lo attaccate alla presa un giorno e lasciate che viva il suo corso senza calcolarlo più di tanto, tranne quando si avvicina l’ora di mangiare. In cucina è l’apparecchio che vive h 24 senza sosta, consumando moltissima corrente elettrica.

È possibile, però, grazie a piccoli e semplici trucchi, poter evitare che il consumo energetico del frigo sia elevato e, di conseguenza, risparmiare sulle bollette. Forse non lo sapevate, ma anche come posizionate al suo interno i cibi potrebbe farvi risparmiare sulla bolletta.

 

 

LONTANO DA FONTI DI CALORE

Il frigorifero è un vero divoratore di energia elettrica, perché deve mantenere sempre la temperatura che voi avete impostato. Per poter evitare che il suo compito diventi difficoltoso (e poco efficiente) dovete assolutamente posizionarlo lontano da qualsiasi fonte di calore, come a esempio i fornelli e il forno. Il caldo che proviene dall’esterno del frigo fa aumentare la quantità di energia necessaria per mantenere la temperatura richiesta. Cercate di individuare un angolo della vostra cucina in cui inserirlo, tenendo conto che sarebbe meglio evitare di esporlo troppo tempo al calore del sole. Di conseguenza deve stare lontano anche da termosifoni e finestre.

 

LONTANO DALLA PARETE

Vi sarete chiesti perché il frigo non è mai attaccato alla parete di fondo della cucina. Questo per una motivazione ben valida: la serpentina posteriore del frigo ha il ruolo di disperdere il calore generato dal motore. Posizionatelo almeno a 10 cm di distanza dalla parete per permettere una buona ventilazione.

 

OGNI CIBO AL SUO POSTO

Un'altra regola fondamentale per poter risparmiare sul consumo del frigorifero è posizionare il cibo nel posto adeguato. Ricordatevi che frutta e verdura vanno nel famoso ripiano in basso, alcuni modelli hanno anche le immagini a segnalarvelo.  Lo stesso ripiano è perfetto anche per carne, pesce e pollame.

I ripiani superiori del frigo sono quelli in cui la temperatura è più o meno alta. La zona può raggiungere i 5-8 gradi, la temperatura ideale per conservare latticini, affettati e uova.

Il ripiano centrale è leggermente più caldo di quello superiore e può mantenere pasta, carne e verdure già cotte. Lo sportello del frigo è quello che mantiene meno il freddo ed è idoneo per riporre latte, bibite e acqua.

02G48033.jpg 

NON TROPPO PIENO

Un altro trucco che vi consigliamo è quello di evitare di riempire troppo il frigorifero. Lasciare qualche spazio vuoto aiuta all’aria fredda di circolare meglio e in maniera uniforme. Di conseguenza l’apparecchio consuma meno per potersi refrigerare e mantenere le temperature.

Un consiglio è quello di togliere dal frigorifero frutta e verdura, quando non fa troppo caldo fuori, perché si possono conservare anche con la temperatura ambiente.

 

LA TEMPERATURA GIUSTA

Per risparmiare sui consumi è importante anche la temperatura che impostate al frigorifero. Sono sufficienti 4 gradi centigradi per conservare al meglio i vostri cibi. Ogni grado in meno rispetto ai gradi consigliati richiedono un fabbisogno energetico del 5% in più.

Per permettere al frigo di “lavorare” meno e, di conseguenza, consumare meno, vi consigliamo di aprire lo sportello meno possibile. Quindi in estate non vale refrigerarsi aprendo il frigo, meglio una doccia fredda!

 

OCCHIO AL KWH

Adesso sapete come prendervi cura del vostro frigo, conservando meglio gli alimenti e consumando meno energia. Occhio però al prezzo dell'energia! Che senso ha consumare meno se poi paghi molto anche quel poco che si utilizza? Scegli una tariffa conveniente, come Your Next Energy di Sorgenia. Sul sito dell'azienda puoi fare una previsione dei tuoi consumi e scoprire in pochi click a quanto ammonta il risparmio in bolletta.