Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Trovare lavoro, Twitter lancia la prima Job Fair in Europa

  1. Home
  2. What's next
  3. Trovare lavoro, Twitter lancia la prima Job Fair in Europa

Il 24 febbraio sulla versione inglese del social network, imprese e candidati potranno scambiarsi offerte, domande e consigli.

Cercate un lavoro nel Regno Unito? Lasciate da parte il curriculum, i colloqui formali e le agenzie: il 24 febbraio Twitter potrebbe esservi d'aiuto. La prima Job Fair in Europe organizzata dalla versione inglese del colosso di San Francisco connetterà le imprese britanniche e i job hunter sotto l'hashtag #YourJob.

 

NON SOLO OFFERTE DI LAVORO

Non solo offerte e richieste di lavoro, ma saranno condivisi anche consigli, informazioni e guide pratiche da parte di esperti provenienti da diverse aziende e associazioni. Una sezione dedicata alle domande sul tema lavoro e recruiting sarà disponibile per gli utenti di Twitter Uk, con l'imprenditore Ricky Martin (vincitore del programma “The Apprentice” nel 2012 e oggi direttore della compagnia HRS) a rispondere e fornire consigli attraverso l'hashtag #Ask Ricky e #YourJob.

 Finora tra le maggiori imprese che hanno aderito all'iniziativa ci sono la GSK che si occupa del settore sanitario a livello globale, la Macmilian Cancer Support e la storica catena di grandi magazzini John Lewis. E' la prima Twitter Job Fair in Europa, ma il tema del lavoro (e della sua ricerca) non è certo una novità per il social newtork di Jack Dorsey e Dick Costolo. Solo nell'ultimo mese sono stati scambiati più di sette milioni di Tweet sull'argomento e ogni giorno migliaia di utenti da ogni parte del mondo cercano e condividono opinioni, domande e approfondimenti in merito.

 Per approfondire: Social recruiting, così Facebook cambia la ricerca del lavoro – Video

 

 SOCIAL RECRUITING

Ormai è un dato di fatto: la ricerca di lavoro è diventata a sua volta una sorta di professione. Aumentano le figure professionali specializzate nella consulenza, domanda e offerta di lavoro; parallelamente si evolvono le dinamiche del settore e, per essere più visibili e presenti sul mercato del lavoro, i social si rivelano sempre più un'arma vincente. Non è solo il caso (più noto) di Linkedin, che in 12 anni ha avuto una crescita esponenziale e una diffusione in 200 paesi: dai 30 milioni di utenti del 2009 ai 100 del 2011, fino ai 200 milioni all'inizio del 2013 e un incremento stimato di 1 milione di iscritti a settimana. Il settore delle risorse umane e del recruiting sta profondamente cambiando e l'incontro dal titoloCercare lavoro e talenti tra selfie, social ed employer branding: come cambiano le Hr nell'era digitale?che si è tenuto lo scorso settembre a Roma durante la Social Media Week, ha fornito diverse coordinate utili. Basti pensare che, se nel 2013 la percentuale delle imprese che assumeva tramite internet era del 34%, nel 2014 è cresciuta fino al 44%, con un lieve scarto tra grandi aziende e pmi. Linkedin rimane il mezzo più utilizzato sia da chi assume, sia da chi cerca lavoro, seguito da Facebook e Twitter. Le aziende sono molto più inclini a utilizzare i social media per il fact checking su potenziali candidati, per averne un profilo completo sia professionale che personale.

Per approfondire: Pmi e social media, benefici e opportunità per le aziende