Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Tecnologia indossabile, 5 aziende italiane da seguire con attenzione

  1. Home
  2. What's next
  3. Tecnologia indossabile, 5 aziende italiane da seguire con attenzione

Lo Smartwatch per gestire lo stress, le tutine per il monitoraggio della salute dei neonati, le fasce per il controllo dell’attività fisica: il wearable italiano eccelle in campo medico e nel fitness

Dall’abbigliamento hi-tech per monitorare la salute dei neonati all’orologio che misura lo stress, sempre più aziende italiane puntano sul wearable. E non a caso. Quello delle tecnologie indossabili è, infatti, un settore in crescita: secondo un’indagine di mercato condotta da International Data Corporation (IDC), nel 2014 sono stati venduti 19 milioni di dispositivi in tutto il mondo, 600mila solo in Italia.

L’Osservatorio di Wearable Technology, fondato nel 2014 da Fabio e Mirko Lalli insieme al team della digital company Iquii, si propone di “mappare” l’evoluzione del fenomeno, raccogliendo informazioni sulla “distribuzione territoriale delle aziende italiane impegnate nello sviluppo di tecnologie e applicazioni wearable”. Secondo i dati archiviati sono quattro gli ambiti distintivi dell’industria wearable italiana: medico (47% imprese italiane coinvolte), fitness (35%), gaming e domotica (6%).

Non è facile per un’impresa che progetta o realizza tecnologia indossabile entrare nella panel dell’Osservatorio di Wearable Technology. Gli esperti del centro, infatti, selezionano le migliori aziende prendendo in considerazione un ampio spettro di variabili, fra cui la possibilità di applicazione in più campi, la portata innovativa, il successo e l’efficacia della tecnologia proposta. Ecco, dunque, le 5 aziende che hanno scritto, e stano ancora scrivendo, il successo delle wearable technology Made in Italy.

COMFTECH, VESTITI I-TECH PER BAMBINI

Abitini e tutine in cotone anallergico dotati di un sistema per la trasmissione dei dati sulla respirazione, battito cardiaco e movimenti dei neonati. È la punta di diamante di Comfortable Technology (ComfTech), l’azienda di Monza nata nell’ottobre 2010 grazie ad una collaborazione con il Politecnico di Milano. L’obiettivo del progetto è quello di consentire a genitori e staff medici una diagnosi precoce delle malattie infantili garantendo però il massimo livello di comfort per il neonato.

 

servizio-comftech-009.jpg

EMPATICA, LO SMART WATCH PER GESTIRE LO STRESS

Monitora lo stress, l’eccitazione, gli stati emotivi e il sonno ed è in grado di prevedere crisi epilettiche. Embrace di Empatica, startup milanese, può fare tutto questo. Si tratta di uno smartwatch che, grazie al dispositivo progettato insieme al Massachusetts Institute Of Technology (MIT), è in grado di misurare la capacità di conduzione elettrica della pelle, rilevandola dalla sudorazione. Questi dati vengono inviati dal dispositivo a un team di esperti che li analizza per stilare una lista di consigli per migliorare lo stile di vita.

CARETEK, IL WEARABLE PER LE PERSONE FRAGILI

A partire da un’idea di Torino Wireless, l’azienda Caretek ha prodotto Adamo, un orologio per il monitoraggio degli stati d’animo. In particolare lo smartwatch avverte, attraverso il contatto con la pelle, se la persona che lo indossa sta vivendo un momento di difficoltà emotia. Il campo di applicazione è quello della cura delle persone affette da depressione. Lo scopo è quello di prevenire conseguenze spiacevoli e garantire così la sicurezza del soggetto.

 

orologio_Adamo.jpg

SENSORIZE, LA STARTUP PER IL FITNESS

Nata da un progetto dell’Università degli studi di Roma “Foro Italico”, Sensorize è una startup romana che si dedica alla progettazione e produzione di fasce elastiche da braccio e da polso muniti di dispositivi tecnologici per la valutazione dei movimenti, sia in ambito sportivo sia in ambito riabilitativo. A marchio Sensorize sono, per esempio, FreeJump che raccoglie informazioni sui vari tipi di salto, FreeRun per il miglioramento delle prestazioni nella corsa, FreeRehab per il controllo generale dell’attività muscolare.

 

free_jump_sensorize.jpg

CAPTICKS, TECNOLOGIE PER L’E-FITNESS

Anche l’azienda romana Capticks è specializzata nella produzione di sensori indossabili che monitorano in tempo reale l’attività fisica dei soggetti. Il prodotto per eccellenza della startup è Movit, un piccolo dispositivo da inserire nelle fasce di supporto da legare al braccio durante il movimento. È dotato di tecnologia wireless, ha quattro ore di autonomia e funziona in qualsiasi tipo di ambiente. I dispositivi Capticks vengono usati per terapie mediche, fisioterapiche ma anche applicazioni puramente sportive. 

 

Movit_Wearable_With_Sensors.png