Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Tagliare del 38% i consumi delle lavanderie industriali: gli interventi

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Tagliare del 38% i consumi delle lavanderie industriali: gli interventi

Come installare sistemi di efficientamento del reparto lavaggio e nel sistema di distribuzione del vapore e delle condense. I dati di uno studio Avvenia

Migliorando l’efficienza energetica delle apparecchiature utilizzate in una lavanderia industriale si possono ridurre i consumi energetici del 38% e tagliare oltre 5 mila tonnellate di CO2. Sono i dati di uno studio condotto dalla società di consulenza Avvenia, attiva dal 2001 e specializzata in energia e sviluppo sostenibile.

La ricerca si concentra sulle tipologie di interventi attuabili e sui risultati ottenuti dalle misure per l’efficienza energetica, valutati sia in termini ambientali che di risparmio economico.

 Secondo dati Avvenia il comparto delle lavanderie industriali in Italia oggi conta circa 600 aziende, che lavorano in vari settori: ospedalieri, alberghiero, ristorazione, lavaggio abiti da lavoro. Si tratta di una attività particolarmente energivora: ogni anno si consumano 42 milioni di metri cubi di acqua e 60 petajoule di energia. Va da sé che l’innovazione tecnologica degli impianti tesa a ridurre i consumi può contribuire significativamente a migliorare la redditività dell’azienda stessa.

Il primo passo da compiere è uno screening dei consumi di energia elettrica e gas, in base al quale vengono valutati gli interventi da eseguire. Lo studio Avvenia ipotizza misure come l’installazione di scaricatori di condensa ad alta efficienza, la realizzazione impianto per il recupero delle acque di fine lavaggio, l’ottimizzazione dell'impianto di asciugatura della biancheria, l’installazione di nuove lavacontinue con recupero acqua di lavaggio o di inverter sui motori, l’introduzione di essiccatoi e mangani alimentati a gas.

Questi azioni possono portare, a parità di condizioni di lavoro, il taglio del 38% dei consumi energetici e di 5.153 tonnellate di anidride carbonica. Secondo Avvenia i certificati bianchi correlati agli interventi sarebbero 6.500 per l’equivalente di 585.000 euro risparmiati.

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di  Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter.