Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Street Fighter: i nostri 10 personaggi preferiti

  1. Home
  2. My generation
  3. Street Fighter: i nostri 10 personaggi preferiti

Ci abbiamo giocato per anni, in sala giochi e poi su consolle. Ma chi sceglievamo più spesso? Chi era il nostro campione? Ecco la nostra top ten

Pollici e indici logorati, patrimoni familiari spesi in gettoni per evitare il game over e relazioni sociali ridotte al minimo. Sono gli effetti che Street Fighter ha avuto nelle nostre vite. Non potevamo non festeggiare i 30 anni della saga cult che ha cambiato per sempre il genere “picchiaduro”.

I 12 personaggi di quel gioco, che debuttava il 30 agosto del 1987, sono entrati per sempre nei nostri cuori. Subito raggiunti dagli eroi e cattivi che hanno arricchito la saga, per un totale di oltre 80 characters! Abbiamo stilato la nostra top 10, consapevoli che non potrà accontentare tutti gli appassionati. Eccoli, i nostri 10 personaggi preferiti di Street Fighter.

 

BLANKA

Verde e pieno di energia, non poteva non essere il nostro personaggio preferito! Emetteva scosse elettriche e si lanciava rotando contro il nemico. Diverse spalle sono state lussate provando a imitare la mossa. Il suo era uno dei finali più commoventi.

 

VEGA

Bello, misterioso, agilissimo. Oggi poi, che alla radio i tormentoni musicali sono quasi tutti in spagnolo, è il vero re della sala giochi e della pista da ballo. Gustiamoci allora il tema musicale del suo fondale, per noi uno dei più belli.

 

M.BISON

Perché scegliere il boss finale per eccellenza? Perché sarebbe bello fare un “psycho crusher” a chi ci sta antipatico e anche perché ci manca Raúl Juliá (il mitico Gomez dei film della famiglia Addams) che l’ha impersonato nell’imbarazzante ma ormai storico live action con Jean Claude Van Damme.

 

RYU

Il personaggio chiave, quello più usato, insieme al gemello biondo Ken. Di fatto facevano le stesse mosse, fra cui il mitico Hadoken, che è stato riproposto anche sul grande schermo e nella serie Street Fighter: Assassin's Fist, in cui i due si scontrano.

 

ZANGIEF

All’epoca nessuno aveva capito come si pronunciasse il nome dell’enorme lottatore russo, che alla fine del gioco ballava insieme all’allora presidente URSS Gorbaciov. Ma la sua testimonianza ai “cattivi anonimi” del film Pixar “Ralph Spaccatutto” ci ha conquistato.

 

CHUN LI

Il primo personaggio  femminile della saga. Forte e agile. Un autentico modello per le quote rosa nei videogiochi. E poi era un piacere prendere a calci avversari molto più grossi.

 

CAMMY

“Le bionde trecce, gli azzurri e poi… un doppio calcio in faccia”. Altro personaggio femminile, affascinante quanto forte. Che altro dire?

 

FEI LONG

Il personaggio era dichiaratamente ispirato a Bruce Lee e quando c’è di mezzo un mito del genere, la nostra scelta è obbligata.

 

DAN

Un autentica parodia di Ryu e Ken. Ci giocavamo non tanto per vincere quanto per vedere quali buffonate riusciva a inventarsi.

 

HONDA

Con la sua mole riusciva a compiere balzi eccezionali e a “spararsi” di testa come un siluro. E poi, lo sapevate che in Giappone i lottatori di Sumo sono autentici sex symbol? Un vero mito per chi di noi si sente un po’ sovrappeso.

 

Leggi anche: Generazione Karate Kid, 7 (+1) arti marziali con cui siamo cresciuti

 

In copertina “Street Fighter V Gameplay PS 4 Trailer” by BagoGames  (licensed under CC BY 2.0) via Flickr