Sorgenia
cerca
Accedi accedi

SpesaSospesa.org, nel 2020 raccolti 667mila euro

  1. Home
  2. My generation
  3. SpesaSospesa.org, nel 2020 raccolti 667mila euro

L’iniziativa di solidarietà circolare sostenuta da Sorgenia chiude il suo primo anno con un totale di 323mila pasti distribuiti e un numero di partner in costante crescita. Attraverso la piattaforma digitale di Regusto risparmiata l’emissione di oltre 14mila kg di CO2

Il 2020 si è chiuso per SpesaSospesa.org con numeri che testimoniano come la solidarietà circolare sia un percorso condiviso dagli italiani e sostenuto con convinzione:

  • 677mila euro raccolti nell’anno di esordio del programma, che è coinciso con l’emergenza Covid-19
  • 323mila pasti distribuiti
  • aumento progressivo del numero dei partner che hanno deciso di aderire e di dare il loro contributo a una rete basata su valori come l’economia solidale, l’etica e la sostenibilità.

Ma i numeri di SpesaSospesa.org non sono soltanto questi: attraverso la piattaforma digitale Regusto sono stati tracciati 161.438 kg di prodotti alimentari, dei quali il 55% venduti, pari a poco più di 89mila kg, e il 45% donati, pari a poco più di 72mila kg.

Quanto ai prodotti non alimentari, parliamo di 58.918 “pezzi”, di cui 42.942 sono stati venduti (il 72%) e 15.976 sono stati donati (il 28%).

Tutto questo ha innescato un processo di solidarietà circolare che ha dato risultati misurabili, come il risparmio dell’emissione di 14.464 Kg di anidride carbonica, stando a quanto certificato da Efficert, partner tecnologico del progetto.

INFOGRAFICA-SPESA-SOSPESA-2021-01.png

LA NASCITA E L’OBIETTIVO DI SPESASOSPESA.ORG

L’idea di dare vita a questo progetto di solidarietà circolare è nata in uno dei momenti più difficili per il nostro Paese, a ridosso del lockdown per l’emergenza Covid-19 della primavera 2020, quando intere fasce della popolazione italiana, cittadini e imprese, si sono trovate ad affrontare una crisi economica del tutto inaspettata e senza precedenti, creando nuove situazioni di bisogno e anche nuove sacche di difficoltà economica in fasce di popolazione che prima della pandemia non ne erano toccate. 

SpesaSospesa.org propone un modello di solidarietà circolare pensato per aiutare sia le persone sia le imprese in difficoltà grazie alle innovazioni rese possibili dalle tecnologie digitali. Il principio è stato quello di dare vita a un circolo virtuoso - tracciabile e sostenibile - che fosse in grado di collegare chi dona e chi riceve, combattendo allo stesso tempo lo spreco alimentare in modo consapevole.

I FONDATORI

Tra gli ideatori del progetto, sostenuto fin dall’inizio da Sorgenia, ci sono gli attori Davide Devenuto e Serena Rossi, insieme al comitato Lab00 Onlus fondato da Francesco Lasaponara, consulente di startup a vocazione sociale, dall’Ad di Regusto Marco Raspati, al Ceo di Nexma Flavio Barcaccia, a Felice Di Luca, business developer di Synesthesia, a Paolo Rellini, Coo & Co-Founder di Regusto.
“La lotta allo spreco alimentare è uno degli anelli di questa catena di solidarietà - spiega Davide Devenuto - Le aziende possono donare, ma anche vendere all’interno della piattaforma Regusto, mettendo a disposizione degli Enti accreditati all’acquisto, le loro eccedenze alimentari con un prezzo etico, che aiuta chi ha bisogno ed evita di produrre sprechi. SpesaSospesa.org è un sistema inclusivo e circolare che unisce istituzioni, persone, aziende ed enti no-profit attraverso modelli e strumenti innovativi che fanno del digitale il fattore abilitante”.

IL PROGETTO

La scintilla da cui è nato questo progetto di solidarietà circolare è un’usanza diffusa a Napoli: quella di pagare al bar un caffè in più rispetto a quello che si è consumato, lasciandolo a disposizione di chi non può permettersi di pagarlo. Allo stesso modo chi aderisce a SpesaSospesa.org può fare una donazione in denaro attraverso il sito di Spesasospesa.org per aiutare chi non ha le possibilità economiche di fare la spesa.

Per dare forma all’idea, che è un esempio di partenariato pubblico-privato, i fondatori si sono confrontati con una serie di videoconferenze su Zoom, coinvolgendo progressivamente i partner che hanno dimostrato interesse per il progetto. Nell’arco del 2020 hanno dato la loro adesioni undici Amministrazioni locali: quelle di Molfetta, Perugia, Milano, Napoli, Alessandria, Catanzaro, Afragola, Città di Castello, Magione, Granarolo, Unione Montana Parma Est; e nelle prime settimane del 2021 sono già state diverse le manifestazioni di interessa da parte di altri enti locali. Nella platea degli enti no-profit che collaborano con SpesaSospesa.org ci sono inoltre Banco Alimentare della Lombardia, Terre des Homme, Caritas, Emergency, Croce Rossa Italiana e altre associazioni territoriali.

IL SOSTEGNO DELLE AZIENDE PARTNER

Con il passare delle settimane e dei mesi nel 2020 hanno aderito a SpesaSospesa.org un numero significativo di aziende italiane, compresi alcuni grandi gruppi. Per fare qualche esemio:

  • 2.500 Kg di prodotti da Barilla ha donato complessivamente 2.500
  • 1.800 Kg di caffè da Lavazza
  • 7.932 Kg di prodotti freschi da Gmf srl/Emisfero (Gruppo Selex)
  • 17.729 Kg di prodotti tra cui latte e prodotti caseari, succhi di frutta, verdure e uova dalla Centrale del Latte Alessandria
  • 8.800 Kg di frutta da Top Melon
  • 1.153 Kg di latticini e altri prodotti alimentari da Grifo Latte
  • 3.000 Kg di farina e semola da Molino Casillo
  • 428 Kg di prodotti da forno da Morato Pane
  • 13.000 Kg circa di latte da Parmalat.

Hanno contribuito inoltre Amadori, Esselunga con il punto vendita di Limito di Pioltello a Milano, Cancelloni Food Service, Food Italiae, Abruzzo Distribuzione, Pastificio Stroppa, Di Leo, Sfera Agricola, Made in Carcere, Amar Food, Pompadour, Fuga di Sapori, Vicenzi, Fiorucci. Tra i non alimentari hanno dato il loro contributo Leroy Merlin che donerà attraverso la piattaforma Regusto alcune tipologie di prodotto alle associazioni non profit, Living Brands, agenzia di comunicazione di Milano che ha messo a punto una campagna speciale per il fattivo coinvolgimento dei loro brand clienti e la call to action alle aziende loro associate, Facebook, NH Hotel Group, Studio legale K&L Gates.

LE NUOVE ADESIONI

“È con grande orgoglio che ringrazio in ordine di tempo l’ultima azienda aderente al progetto SpesaSospesa.org: Steriltom - afferma Francesco Lasaponara - Grazie alla loro lodevole donazione, con 12mila kg di polpa di pomodoro, prosegue energicamente il sostegno di un’economia circolare che fronteggia la lotta allo spreco alimentare”.

“Abbiamo aderito volentieri a questo progetto che ci permette di dare una mano concreta a chi è stato più colpito da un punto di vista economico in questo periodo di crisi. Steriltom – spiega il direttore generale dell’azienda, Alessandro Squeri - anche durante le fasi più dure della pandemia non si è mai fermata per garantire la fornitura a mense, ospedali, case di cura e a tutti i suoi clienti aperti. Con questa iniziativa vogliamo fare uno sforzo ulteriore verso il terzo settore offrendo ciò che noi sappiamo fare meglio, i nostri prodotti”.

L’IMPEGNO DI SORGENIA MAIN PARTNER DI SPESASOSPESA.ORG

Sorgenia dal canto proprio come main partner ha coinvolto nell’iniziativa i propri dipendenti e la community dei propri clienti, trasformando l’energia utilizzata in cibo e beni di prima necessità.
“Abbiamo creduto sin da subito in questo progetto inclusivo che porta beni essenziali a chi è in difficoltà attraverso la velocità e la trasparenza del digitale, in un perfetto esempio di tecnologia al servizio delle persone - sottolinea Marina Vecchio, Responsabile di Sorgenia per SpesaSospesa.org - Abbiamo coinvolto i nostri clienti e i nostri dipendenti, questi ultimi anche con una iniziativa speciale a Natale, e la risposta che abbiamo ricevuto è stata sorprendente: oltre 15mila persone hanno aderito all’iniziativa e questo ci ha consentito di donare l’equivalente di quanto spenderebbe in energia, in un mese, una città di 37mila abitanti. Continueremo a sostenere questa iniziativa perché, oggi più che mai, è indispensabile che ciascuno faccia la propria parte per aiutare chi è più fragile”.

HENKEL: “UNA COMUNITÀ DESTINATA AD ALLARGARSI E A PORTARE PIÙ VALORE”

L’altro main partner, Henkel, ha preso l’impegno di far crescere la visibilità e la notorietà del progetto nei punti vendita della grande distribuzione, e ha donato 15.476 prodotti per l’igiene personale e per la casa.
“Ci è parso naturale integrare SpesaSospesa.org tra le iniziative che articolano il nostro impegno sociale in Italia, attraverso sia donazioni di prodotti che attraverso un supporto economico – spiega Silvia Gallina, Trade Marketing Manager, Responsabile per il canale GD e DO di Henkel Beauty Care - Inoltre, questo è un progetto che vive grazie all’impegno di una comunità che si è ritrovata intorno ad un concetto molto importante di
economia circolare e allora abbiamo deciso di sostenerlo anche sui punti di vendita della Grande Distribuzione creando visibilità affinché questa comunità si possa allargare e portare ancora più valore”.