Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Scuola al via, le novità del nuovo anno

  1. Home
  2. What's next
  3. Scuola al via, le novità del nuovo anno

La campanella sta per suonare e porterà importanti cambiamenti, come la possibilità di fare il liceo in soli 4 anni. E occhio, ovviamente, anche alla tecnologia

Entro il 15 settembre gli studenti di tutta Italia torneranno sui banchi di scuola. Archiviati costumi da bagno e infradito, è giunto il momento di riprendere in mano libri, penne e quaderni. Non prima, però, di aver passato in rassegna tutte le ultime novità in ambito scolastico.

Prima di tutto una notizia che farà piacere agli studenti delle scuole superiori: la possibilità per alcuni licei e istituti tecnici di offrire un percorso formativo abbreviato, ossia quattro anni invece di cinque. Si tratta di un curriculum scolastico sintetico ma valido anche a livello europeo. Le scuole che vorranno aderire dovranno proporre un’offerta formativa moderna, inclusiva di ricerche sulle nuove tecnologie e lo studio approfondito di una lingua straniera.

L’obiettivo è quello di facilitare e velocizzare il passaggio dal mondo dello studio a quello del lavoro. Proprio per questo motivo, infatti, il Miur ha deciso di potenziare, secondo le direttive della Legge 107, la cosiddetta “Buona Scuola”, i programmi di alternanza scuola-lavoro, per favorire l’incontro degli studenti con il mondo delle imprese.

Requisito fondamentale però per fare una bella impressione è la padronanza dell’inglese. Secondo l’Osservatorio nazionale sull’internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca, solo il 35% dei giovani italiani è convinto di avere un buon livello di inglese, rispetto ad una media europea di circa il 70%. Ecco perché la scelta di un buon istituto bilingue potrebbe essere un ottimo investimento per il futuro. In Italia non ancora molte le scuole bilingue, ma è un modello che sicuramente varrà la pena sviluppare. Su Energie Sensibili vi abbiamo raccontato le migliori.

Infine, un altro aspetto importante della didattica ai tempi dell’Internet of things è il livello di digitalizzazione dei device utilizzati nelle classi. Anche in questo caso, il Belpaese non è in cima alle classifiche internazionali, ma di certo non mancano ottimi esempi di insegnamento hi-tech all’italiana. Il futuro delle scuole è fatto delle lavagne interattive multimediali della scuola elementare di Nocera Umbra, dei banchi touch screen dell’Up School di Cagliari, della connessione wifi a 100 mega dell’Istituto Tecnico Industriale Alessandro Volta di Perugia, delle smartpen che scrivono su bloc notes di carta e poi inviano gli appunti a tablet, pc e smartphone connessi. Un bel po’ di differenza con la terza C trasmessa in tv negli anni 80.

Tutti i dettagli nello speciale di Energie Sensibili  " Scuola, tutte le novità del rientro sui banchi "