Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Recupero lampade e neon, a Milano parte la raccolta porta a porta

  1. Home
  2. Life
  3. Recupero lampade e neon, a Milano parte la raccolta porta a porta

L'iniziativa promossa da Amsa e Ecolamp inizia il 30 settembre nelle zone 3 e 4 della città, con l'obiettivo di riciclare fino al 95% di apparechi esausti

A Milano le buoni prassi di sostenibilità iniziano fin dalla scuola. Dal 30 settembre prenderà il via l'iniziativa di recupero "porta a porta" delle lampade a basso consumo e neon esausti, partendo dalla Zona 3 (Lambrate, Porta Venezia, Città Studi) e dalla Zona 4 (Porta Vittoria, Porta Romana, Forlanini, Rogoredo e Monluè) del capoluogo lombardo. 

 

RACCOLTA IN SCUOLE, PARROCCHIE E BIBLIOTECHE 

Il progetto, nato dalla collaborazione delle società Amsa e Ecolamp durerà fino a maggio 2015, coinvolgendo non solo scuole primarie e secondarie, ma anche università, centri anziani, parrocchie, impianti sportivi, le sedi dei Consigli di Zona, biblioteche e centri ricreativi. Dopo aver informato attraverso incontri, materiali e  i cittadini coinvolti nel progetto, i residenti delle zone 3 e 4, il personale e gli utenti dei siti selezionati, nei loro pressi  verranno installati contenitori appositi per la raccolta di lampade e neon, che verranno poi portati nelle riciclerie Amsa

 

ECOLAMP E AMSA, INSIEME PER IL RICICLO 

Ecolamp, consorzio fondato dalle principali aziende che producono apparecchi di illuminazione senza fini di lucro, si occuperà della parte economica del progetto, sostenendone le spese e svolgendo opere di recupero di lampade e neon esausti che possono essere riciclati fino al 95%.

Amsa, invece, è l'Azienda Milanese per i Servizi Ambientali, controllata dalla società di servizi  A2A per gestire la raccolta e lo smalimento dei rifiuti urbani a Milano e nell'hinterland milanese. 

 

ATTIVARE PRATICHE VIRTUOSE FIN DA PICCOLI 

Questo progetto  conferma l’impegno di Milano nell'essere esempio di sensibilità ambientale e buone pratiche" ha commentato Pierfrancesco Maran,assessore alla Mobilità e all'Ambiente del comune. "Trovo molto positivo che la raccolta porta a porta tocchi le scuole delle due Zone, promuovendo tra i più piccoli l’importanza del riciclo di oggetti di uso comune e attivando pratiche virtuose. Ricordo che l’anno scorso, con oltre 3 chilogrammi di rifiuti elettrici ed elettronici raccolti per ogni abitante, Milano ha vinto il confronto con gli altri grandi capoluoghi italiani. E questa sperimentazione contribuirà a raggiungere livelli sempre più alti". 

 

Mario Luongo
 
Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di  Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter.