Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Raee, in arrivo nuove regole per i negozianti

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Raee, in arrivo nuove regole per i negozianti

Facilitazioni per smaltire i rifiuti più piccoli e rafforzamento del ruolo del centro di Coordinamento: ecco tutte le novità del decreto che entrerà in vigore il 12 aprile

Novità per imprese e privati cittadini in materia di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo che, approvato all’inizio del mese di marzo dal Consiglio dei Ministri, accoglie gli elementi di maggiore novità introdotti nell’ordinamento dell’Unione con l’obiettivo di rendere più efficiente il sistema di recupero e riciclo di questo tipo di scarti. Entrerà in cigore il prossimo 12 aprile. L’Italia diventa così il primo Paese tra quelli del Vecchio Continente recepire la nuova direttiva comunitaria in materia di Raee.

Tra i provvedimenti più importanti, ci sono il rafforzamento del ruolo  del Centro di Coordinamento Raee e l’estensione del campo di applicazione ai pannelli fotovoltaici delle regole di gestione, che verranno pertanto trattati a tutti gli effetti come rifiuti tecnologici. È inoltre previsto il rafforzamento dei criteri di qualità dei sistemi collettivi per assicurare elevati standard di riciclo e sicurezza nella fase operativa di trattamento di questo tipo di scarti.

 "Un altro passo verso la semplificazione degli adempimenti ambientali è stato fatto oggi dal Consiglio dei Ministri", ha commentato il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. Il quale ha anche sottolineato come "ciò renderà molto più semplice la raccolta e il recupero dei materiali delle apparecchiature e più agevole per i cittadini un comportamento ambientalmente corretto e virtuoso".

Facilitazioni sono introdotte anche per l’utente finale: in particolare, per i piccoli strumenti elettronici, come smartphone o elettrodomestici, basterà rivolgersi a un grande negozio che a sua volta si occuperà dello smaltimento secondo quanto previsto dalla legge, senza l’obbligo di acquisto contestuale di un prodotto analogo. L’obiettivo di tutti questi provvedimenti è quello di innalzare i livelli di raccolta e riciclo per ogni cittadino. Dai 4 chilogrammi pro-capite attuali, si passa al 45% e al 65% del peso totale del RAEE raccolto in relazione alle apparecchiature messe in commercio negli anni precedenti, rispettivamente per le scadenze del 2016 e del 2019.

 

@Idart87


Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di  Energie Sensibili seguici suFacebook e Twitter.