Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Pmi Energy CheckUp, una piattaforma europea per misurare i consumi

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Pmi Energy CheckUp, una piattaforma europea per misurare i consumi

Il progetto, coordinato per l’Italia da Uniocamere, si rivolge alle aziende del turismo e della vendita al dettaglio, a loro disposizione l’energy scan per confrontare le proprie performance con quelle di altre imprese

Aiuti in arrivo per incrementare la sostenibilità delle piccole e medie imprese che operano nel settore ricettivo e del commercio al dettaglio. È questo, in sintesi, il cuore del progetto europeo Pmi Energy CheckUp. Si tratta di una iniziativa cofinanziata dalla Commissione attraverso il programma Energia intelligente per l’Europa, il cui obiettivo è quello di promuovere azioni di efficienza energetica agli operatori dei comparti alberghiero, dei ristoranti e fast-food, e della vendita al dettaglio di prodotti alimentari e di altro consumo.

 

LA SITUAZIONE DEL SETTORE: BENE LE MISURE PER RIDURRE I CONSUMI

In realtà, secondo gli ultimi dati elaborati da Uniocamere su un campione di quattromila aziende attive in questo mercato, molte sono le realtà che hanno già provveduto a interventi di riduzione dei consumi e conseguente aumento dei risparmi da reinvestire nelle risorse interne. Quasi la metà delle imprese intervistate, ha ammesso di utilizzare lampadine poco energivore, il 40% evita gli sprechi d’acqua grazie a sensori per l’irrigazione e oltre il 90% mette in atto politiche dirette alla clientela e al personale per la sensibilizzazione di problematiche ambientali. Tutte, inoltre, prestano attenzione alla raccolta differenziata dei rifiuti.

 

IL PROGRAMMA EUROPEO PER MISURARE GLI SPRECHI E AIUTARE A INTERVENIRE

Ancora molto, però, deve essere fatto per quanto riguarda la possibilità, da parte di queste stessi soggetti imprenditoriali, di misurare il proprio consumo di energia e di adottare, se necessario, politiche ulteriori di contenimento dei costi. Opportunità che viene loro concessa proprio dal progetto europeo Energy CheckUp. Per sensibilizzare gli imprenditori sul tema verranno organizzati degli Infoday itineranti, che sono già partiti da Ancona, per poi fare tappa a Varese e infine a Monza il 13 ottobre. Si è stimato che con questo progetto verranno risparmiati al 2017 54 GWh di energia e ben 240 al 2020.

 

Leggi anche: Diagnosi energetiche e bollino: le novità per pmi e grandi aziende

 

Insieme all’Italia, che partecipa al programma attraverso la collaborazione di Unioncamere e le Camere di Commercio di Ancona, Avellino, Cuneo, Monza e Brianza, Torino, Varese e Venezia, anche Olanda, Spagna e Polonia metteranno in pratica la sperimentazione. Partner tecnico è invece la Fire, Federazione italiana per l’uso razionale dell’energia. Il progetto si inserisce nel quadro delle misure comunitarie per la sostenibilità ambientale, tra cui la Direttiva europea del 27 dicembre 2012 recepita nel nostro Paese con decreto legislativa 102/2014.

Questo provvedimento prevede, tra le varie cose, anche l’adempimento entro la fine del 2015 per le grandi imprese e per quelle energivore di procedere alla diagnosi energetica dei propri consumi per stabilire un piano di interventi di efficientamento.

 

CON ENERGY CHECKUP LA PIATTAFORMA INTERATTIVA PER CONFRONTARE I CONSUMI E CONOSCERE I FORNITORI

Pmi Energy CheckUp mette a disposizione delle imprese interessate uno strumento online di analisi gratuita, la cosiddetta energy scan, che permette di confrontare i propri consumi con quelli di aziende simili e conoscere quali sono le misure da adottare per rispettare l’ambiente circostante e la salute dei lavoratori nel miglior modo possibile. La platea a cui la piattaforma interattiva si rivolge è costituita da più di seimila soggetti. Il suo obiettivo è anche quello di facilitare l’incontro tra domanda e offerta, grazie alla lista di fornitori di servizi e tecnologie per l’efficienza energetica e all’elenco di esperti che li potranno supportare nella scelta delle azioni da intraprendere. 

 

Leggi anche: Efficienza energetica, novità e finanziamenti