Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Maker Faire, l’innovazione che passa per l’ambiente | FOTO

  1. Home
  2. Life
  3. Maker Faire, l’innovazione che passa per l’ambiente | FOTO

Il risvolto green dei progetti esposti al Palazzo dei Congressi. Dalla casa off grid alla Ferrari solare, fino al pennarello che disegna circuiti elettrici e si lava con l'acqua

Non si può più parlare di futuro senza parlare di ambiente. Per questo la Rome Maker Faire, il raduno dei Leonardo del XXI secolo, è anche la fiera dell’innovazione sostenibile. Al Palazzo dei Congressi di Roma dal 3 al 6 ottobre sono in mostra più di 200 progetti: idee e prototipi che sfruttano l’ingegno e la fantasia – mixati sapientemente – per arrivare alla creazione di quei prodotti che Bruce Sterling ha definito “non convenzionali”. Il progresso, insomma, va oltre l’utilità e la profittabilità sul mercato di un oggetto perché implica una visione, il disegno di uno scenario futuro. In questo quadro rivoluzionario parole come risparmio energetico, efficienza, riciclo e riuso non sono più solo idee astratte ma progetti concreti, che si traducono nella prima casa Off Grid svincolata dalla rete, nella moto elettrica stampata in 3D, nella Ferrari alimentata solo a pannelli solari.

Noi di Energie Sensibili c’eravamo. A caccia di idee anzi, eco-idee convinti che la cultura dell’innovazione passi necessariamente per la sostenibilità. E, forse qualcuno potrebbe stupirsene, per l’Italia.

Ecco quello che abbiamo trovato.

 

>>>LE FOTO<<<

 

Energica

È la prima moto elettrica stampata in 3D, anche se a guardarla sembra uscita da una grande fabbrica. Energica è un progetto dell’italiana CRP Technology, un’azienda innovativa – dovremmo dire di maker – con base a Modena. La superbike è realizzata con tecnologia da Formula Uno, raggiunge i 220 chilometri orari e ha un’autonomia di 150 chilometri. È ecologica dalla nascita (realizzare i vari pezzi con la tecnica del 3D-printing è economico e veloce) e funziona con un batterie che si ricaricano in meno di 30 minuti in corrente continua. A basso consumo anche il display del cruscotto e i fanali a Led. Il progetto è iniziato nel 2011, entro il 2015 Energica dovrebbe essere in vendita.

 

Off Grid Box

Dal riuso “creativo” di un container nasce Off Grid Box, la prima “scatola” che consente di svincolarsi dalla rete. Il progetto è della Fabbrica del Sole, cooperativa di Arezzo, ed è stato lanciato nel 2011. Si tratta di un cubo da circa 3x3x3 metri all’interno del quale sono installati impianti per la produzione di elettricità, acqua calda, depurazione degli scarichi, acqua piovana, geotermia, idrogeno. Collegando Off Grid Box a una casa questa diventa automaticamente indipendente dalla rete elettrica, fognaria, idrica. Un esempio di quello che può fare Off Grid Box? L’acqua piovana viene raccolta nel container, potabilizzata e infine rilanciata verso l'edificio per fare lavatrici, docce, pulizie.

 

Water Lilly

Water Lilly è un progetto aperto che può essere scaricato con licenza Creative Commons. Consente di ricostituire un ambiente biologicamente attivo per la coltivazione di microalghe che, alimentate con luce, sali minerali ed anidride carbonica, possono essere trattate per creare biocarburante. Non solo: Il sistema può essere sfruttato anche per ridurre i consumi energetici degli edifici. Un altro progetto italiano di Cesare Griffa con l’aiuto di Max Manno, Denise Giordana e Federico Borello.

 

Cocoon

È un padiglione temporaneo realizzato con cartone ondulato. La struttura è autoportante e, oltre ad essere sostenibile per la scelta dei materiali, vanta anche un approccio sostenibile nel design perché è progettata come parte integrante dell’ambiente che la circonda. Tutor del progetto sono Amleto Picerno Ceraso e Andrea Graziano di Cava de’ Tirreni (Salerno).

 

Tabby

Un veicolo versatile e a emissioni vicine allo zero, Tabby è un progetto innovativo nato dalla mente del cinese Francisco Liu e dell’italiano Ampelio Macchi. Arriva a domicilio in quattro scatole piatte (in perfetto stile Ikea), è economico e montabile sul posto. Può utilizzare tre tipi di motore: elettrico, endotermico oppure ibrido autoricaricabile ed è un veicolo open source cioè il progetto è pubblico e ciascuno può contribuire con un’idea per renderlo migliore.

 

La casa 3D a km 0

Da un’idea di Wasp, azienda di maker che lavorano in 3D “per salvare il mondo”, nasce la prima casa stampata in tridimensionale e fatta di argilla. L’abitazione è a chilometro zero, a basso impatto ambientale, sana ed economica. L’azienda madre è italiana con sede nel bolognese.

 

Ferrari Solare

Si chiama Emilia 2 (ci sono anche la versione 1 e 3) ed è un’automobile alimentata esclusivamente da pannelli solari. Omologata in Australia, dove se targata può girare in strada, l’automobile che cammina col sole è un progetto della Regione Emilia Romagna, dell’Università di Bologna, della Provincia di Bologna, di Assomotoracing e della Ferrari. L’Emilia 2 ha il corpo in carbonio e il tetto con 6 mq di celle fotovoltaiche al silicio. Nel 2011 ha partecipato al World Solar Challenge, la gara di corsa da Darwin ad Adelaide, in Australia, riservata alle auto elettriche e solari.

 

Bare Conductive

Il primo prototipo del pennarello elettrico è del 2011. Bare Conductive consente di “scrivere” su carta, tessuti o legno ma l’inchiostro, una volta seccato, diventa un filo a conduzione elettrica. Il pennarello elettrico si pulisce con acqua e sapone, non contiene materiali tossici e ha il marchio di sicurezza CE. Disegnando, insomma, si possono creare piccoli circuiti elettrici per portare la luce dappertutto.

 

Skyarrow

Non è un ultraleggero, nonostante l’apparenza, ma un vero aeroplano in dotazione al CNR per monitorare il territorio e l’ambiente. Vola alla velocità di 40-70 metri al secondo e a un’altitudine fino a 4 mila metri (ma di solito viene impiegato per voli a 300 metri di quota) ed è equipaggiato con una serie di strumenti per controllare lo stato della vegetazione e delle foreste (a integrazione di dati provenienti da satellite), per il monitoraggio della quantità di carbonio nell’aria e il controllo dell’effetto serra, per il campionamento dei microrganismi presenti in atmosfera.

 

@fenicediboston