Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Lavoro, boom di offerte per tecnologia e informazione

  1. Home
  2. What's next
  3. Lavoro, boom di offerte per tecnologia e informazione

Secondo i dati della piattaforma Face4Job, il 26% dei posti disponibili è offerto dal settore ITC. L'assenza di formazione aziendale e la visibilità degli annunci pesa in tutti i campi

Il settore ICT, tecnologie dell'informazione e della comunicazione, è il campo con la maggiore offerta di lavoro, grazie al 26,72% di posti attualmente liberi. È quanto emerso dall’indagine condotta dal portale Face4Job, che in base alla propria banca dati, ha stilato una classifica delle tendenze relative al mercato occupazionale. La piattaforma si occupa, infatti, di incrociare la domanda e l'offerta di lavoro grazie a un algoritmo che rileva le posizioni aperte.

 

IL FUTURO DELL'ITC E I SALDI

Al secondo posto della graduatoria segue il comparto commerciale e vendita di beni e servizi con il 14,09% di annunci. Terzo posto per le consulenze e libere professioni con il 12,05%.

 

“L'ITC è il settore del futuro e per questo offre molte possibilità d'impiego – spiega a Energie Sensibili Alessio Romeo, CEO di Face4Job – Il commercio invece si trova al secondo posto perché essendo ormai arrivata la stagione dei saldi ecco che i negozi si attrezzano e richiedono personale. È il classico trend di questo periodo”.

 

LA CLASSIFICA

Proseguendo nell'analisi della classifica si nota come la ricerca di neolaureati sfiori il 10% mettendo assieme le discipline giuridico-economiche. Seguono ingegneria e manifattura (7,03%), retail (6,90%), marketing e comunicazione (4,28%), sanità e scienze (4,19%), finance e controlling (2,73%).

 

L'ANOMALIA DEL TURISMO

In fondo alla lista troviamo turismo e ristorazione con solo l'1,67% degli annunci dedicati, un dato anomalo considerando la stagione estiva ormai alle porte.

“È sicuramente il dato più sorprendente – prosegue Romeo – Questo non vuol dire che manca lavoro in questo settore ma è indicativo di quanto ci sia una carenza nella comunicazione delle offerte. La nostra azienda invece attua un processo di recruiting digitale senza intermediari consentendo agli annunci stessi di finire online nella massima trasparenza”

 

LA RISPOSTA DELLA DOMANDA

Analizzando la classifica delle offerte di lavoro più richieste grazie a Face4job, bisogna anche cercare di capire se al tempo stesso la domanda vada nella stessa direzione o sia inversamente proporzionale.

“In molti casi capita di trovarsi difronte a dei veri e propri mismatching – spiega il CEO – , per esempio proprio nel campo dell'IT dove all'alta domanda non corrisponde la stessa risposta. Questo è determinato dall'assenza degli annunci nella rete e anche da una mancanza di formazione. Alcuni settori presentano un'offerta bassa proprio perché ricercano un personale con determinate qualifiche. Quindi, il problema è alla base delle stesse aziende perché dovrebbero prevedere corsi di formazione, bisogna investire da questo punto di vista”.

 

ASSUNZIONI ESTIVE BLOCCATE

Un'altra problematica della stagione estiva è legata alle assunzioni, spesso rimandata al ritorno dalle vacanze.

“Ci sono sezioni come il Digital e Social Media che in questo momento propongono una bassa offerta di lavoro – conclude Romeo – sia perché è richiesta una determinata formazione per le pratiche SEO ma in generale perché l'estate offre poche possibilità d'impiego, i datori di lavoro tendono a rinviare i discorsi a settembre quando ci aspettiamo un incremento delle assunzioni”.