Sorgenia
cerca
Accedi accedi

L’isola “spaziale” dove natura e tecnologia convivono pacificamente

  1. Home
  2. My generation
  3. L’isola “spaziale” dove natura e tecnologia convivono pacificamente

Merritt Island, sulla costa orientale della Florida, ospita uno dei più importanti centri Nasa, insieme a una delle riserve naturali più famose al mondo

Natura e tecnologia possono coesistere nello stesso luogo e dare vita ad una paesaggio straordinario. La prova? Merritt Island. Si tratta di un’isola situata sulla costa orientale della Florida, negli Stati Uniti d’America, raggiungibile in meno di un’ora di auto da Orlando. Oltre ad essere una riserva naturale di fama mondiale, che accoglie al suo interno ben 150 mila rare specie di animali e piante, questo lembo di terra di 140 mila ettari ospita dal 1963 il National Wildlife Refuge, un rifugio concepito da zona cuscinetto per la Nasa e i suoi lanci nello spazio.

 

Accanto a dune costiere, querce e palme, dunque, è possibile trovare shuttle, astronavi e missili per le missioni esplorative portate avanti dalla National Aeronautics and Space Administration. Numerose sono le torri di osservazione e le piattaforme per consentire la partenza dei veicoli alla conquista delle stelle. Nonostante ciò, alligatori, manati e uccelli acquatici si aggirano indisturbati, anche se sono molte le associazioni preoccupate dall’inquinamento, soprattutto acustico, a cui queste vengono esposte. Il rifugio offre infatti una vasta gamma di habitat, da estuari di acqua salata a arginamenti di acqua dolce e paludi, con più di 100 diversi tipi di piante, 117 di pesci e 31 di mammiferi. Di questi ben 21 sono a rischio.

 

La composizione varia di questo territorio lo rende meta appetibile per il turismo: sia per grandi che per piccini tante sono le attività da svolgere a Merritt Island, dalla pesca agli sport su acqua. Luogo privilegiato per entrare in contatto con specie rare, tra quelle più famose che qui trovano riparo ci sono le tartarughe marine, le più dense dell’emisfero settentrionale.

 

Per non parlare, poi, delle aquile, i cui nidi possono raggiungere i due metri di diametro. Nell’isola, in particolare, trova rifugio la quasi estinta aquila calva, che dal 1973 è stata classificata come specie in pericolo (si pensi che sono poco più di mille le coppie nidificanti di questa specie). Tutti gli interventi che negli anni si sono susseguiti per ammodernare il centro spaziale di a Merritt Island sono stati condotti nel pieno rispetto degli esseri che vivono nell’isola, compreso questo suo ospite tanto maestoso quanto raro.