Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Kiunsys, la startup innovativa che aiuta le città a diventare smart

  1. Home
  2. My generation
  3. Kiunsys, la startup innovativa che aiuta le città a diventare smart

Si occupa di offrire hardware e software per la gestione efficiente della mobilità nei centri urbani. Dopo l’Italia, da Pisa è pronta a conquistare l’Europa. Ecco la storia di un successo tutto Made in Toscana

Da Pisa alla conquista dell’Italia e presto, si spera, anche dell’Europa a colpi di sistemi innovativi per smart city e smart mobility. Continua a far parlare di sé Kiunsys, la startup innovativa, spin-off dell’Università della città toscana, che dopo il successo in numerosi centri della Penisola, da Firenze a Napoli, passando per Verona e Pavia, ha ottenuto uno dei più consistenti round di finanziamenti realizzati finora, con oltre 505mila euro, attraverso l’equity crowdfunding, una cifra mai raggiunta prima nel nostro Paese con questo sistema alternativo di accesso al credito.

 

GESTIONE EFFICIENTE DELLA MOBILITà URBANA NECESSARIA PER LO SVILUPPO DELLE SMART CITY

Nata nel 2011 all’ombra della torre pendente, Kiunsys offre una serie di componenti hardware e software a servizio delle città per gestire in maniera sostenibile ed efficiente la mobilità urbana. I Comuni che vogliano ridurre il proprio impatto sull’ambiente circostante e rendere tutte le proprie attività a misura di cittadino, nel pieno rispetto del suo benessere e della sua tutela, devono intervenire a cominciare dall’ambito dei trasporti, tra le principali fonti di inquinamento e stress. E l’Italia, seppur in maniera minore rispetto agli altri Paesi europei, è sempre più sensibile a queste tematiche. Basti pensare che, secondo recenti dati del Politecnico di Milano, entro il 2020 il giro di affari legato alle smart city potrebbe raggiungere quota 10 miliardi di euro, con una media di finanziamenti pari a circa 2 miliardi all’anno nel prossimo quinquennio.

CON KIUNSYS LA PIANIFICAZIONE URBANA È FACILE: MENO CONGESTIONE STRADALE E PARCHEGGI PIÙ FACILI

Insomma, la gestione intelligente delle città parte dalla mobilità. Nello specifico, Kiunsys aiuta le amministrazioni locali a controllare tutto ciò che riguarda gli accessi all’interno dell’area urbana, compresi i permessi Ztl e disabili, e la sosta. Lo fa attraverso una piattaforma centralizzata, che prende il nome di INES Cloud, che, come spiega a Energie Sensibili Paola Ponticelli, Sales & Partner Manager della startup innovativa, “non solo permette di raggiungere importanti obiettivi di pianificazione urbana, come la riduzione della congestione stradale, ma anche di soddisfare i cittadini che vedranno risolti problemi come il parcheggio e il traffico”.

 

Leggi anche: Startup innovative: ecco l'identikit delle nuove imprese italiane

PISA ESEMPIO DI ECCELLENZA A LIVELLO NAZIONALE

Un esempio su tutti? La città di Pisa. Questo centro soffre di alcuni problemi dovuti alla sua stessa conformazione. “Non solo qui c’è uno degli aeroporti internazionali più importanti della Toscana se non dell’Italia, che genera un grande traffico di passeggeri – sottolinea Ponticelli -, ma la nostra popolazione cresce con la presenza di studenti e ricercatori, che si uniscono ai 90mila abitanti dell’area urbana”. Pisa aveva già diverse soluzioni per la gestione della mobilità e della sosta, ma Kiunsys “ha unificato e digitalizzato tutti i servizi e i processi, il che ha comportato per l’azienda di mobilità locale una serie di benefici, come l’aumento dell’efficacia dei controlli su strada e la diminuzione del numero di violazioni, insieme al miglioramento dei servizi all’utenza”.

 

DALLA TOSCANA ALL’EUROPA NEL SEGNO DELL’INNOVAZIONE

Con i fondi ottenuti grazie alla campagna di equity crowdfunding, la vocazione all’internazionalizzazione della startup toscana torna a farsi sentire. “Siamo già presenti in 25 città italiane, anche al di fuori della nostra regione di origine – conclude Ponticelli -. Il nostro obiettivo è ora quello di consolidare il nostro posizionamento sul mercato nazionale e al contempo di avviare un percorso che ci porti fuori dai nostri confini, in città europee che vogliano innovare ed essere protagoniste della nostra piccola rivoluzione tecnologica”.

 

Per approfondire: Crowdfunding, 10 consigli utilidi guru e startupper di successo