Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Il robottino che insegna la programmazione ai bambini - VIDEO

  1. Home
  2. What's next
  3. Il robottino che insegna la programmazione ai bambini - VIDEO

CoderBot, ideato dai ricercatori dell'Università Bicocca di Milano, diventerà realtà anche grazie al contributo di Sorgenia

Informatica, didattica e innovazione. Sono questi i temi su cui poggia l'ideazione di un robottino dagli “occhietti” simpatici, nato dalla mente geniale di un gruppo di ricercatori dell’Università Bicocca di Milano. CoderBot si prepara a essere lo strumento di robotica che rivoluzionerà l’educazione delle prossime generazioni, trasformandosi nel futuro compagno di banco di molti bambini dai 5 anni in su e collega "meccanico" di insegnanti e genitori. 

Il simpatico robottino da semplice prototipo potrà trasformarsi in realtà dopo aver raggiunto, e ampliamente superato, il suo obiettivo di crowdfundig. La racconta fondi lanciata dai ricercatori, ospitata sulla piattaforma DeRev, ha superato la soglia dei 5mila euro prestabiliti, arrivando a raccogliere fino 7mila euro. L’idea innovativa ha convinto a tal punto da ricevere un aiuto da circa 60 sostenitori, fra cui la digital energy company Sorgenia.

 

CODERBOT, IL ROBOT PER GIOCARE A PROGRAMMARE

Il digitale e la tecnologia stanno invadendo ed evolvendo il nostro modo di vivere e di lavorare. Questo è l’argomento pilastro su cui sono state pensate le Colazioni Digitali, il format realizzato da Sorgenia e Corriere Innovazione. Nella scorsa puntata delle colazioni, a tema “Education & Digitale”, si è discusso in compagnia dei rettori dell’Università Boccini e il Politecnico di Milano, di come il mondo dell'istruzione si debba adeguare alla nuove tecnologie in vista dell'arrivo delle nuove generazioni nate digitalizzate. Uno degli spunti principali è stato l'insegnamento del Coding, ovvero il linguaggio utilizzato nella programmazione, che in un prossimo futuro sarà insegnato al pari della lingua inglese per creare futuri informatici. 

Al centro di questa possibilità, sempre più vicina, si posiziona Coderbot, un progetto ideato all’interno del Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione (RobotiCSS Lab - Laboratorio di Robotica per le Scienze Cognitive e Sociali) e del Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Un robottino che si prefissa il compito di rivoluzionare la didattica insegnando a bambini da sei anni in sù come programmare e il linguaggio che c’è dietro. I bambini di scuola primaria e secondaria potranno utilizzare il robot applicando non solo conoscenze tecniche, ma anche il ragionamento astratto e il metodo scientifico. 

 

coderbot.jpg

Si tratta di un piccolo veicolo dotato di telecamera, sensori di distanza, un microfono e un altoparlante. Inoltre, il piccolo robottino, grazie ai suoi algoritmi di visione artificiale, può riconoscere gli oggetti e i volti, muoversi nello spazio ed emettere suoni e parole.

A ideare tutto questo è stato un gruppo di ricerca interdisciplinare, che comprende informatici, pedagogisti, psicologi e filosofi impegnati a progettare una forma di didattica innovativa per permettere a bambini e ragazzi di apprendere in modo più creativo, interattivo e stimolante, a scuola e non solo. 

coderbot 2.jpg 

LA RACCOLTA FONDI

Per poter migliorare e realizzare praticamente la loro idea, i ricercatori impegnati nel progetto hanno deciso di affidarsi a una campagna di crowdfunding. I finanziamenti, che hanno raggiunto i 7 mila euro, grazie anche al sostegno di Sorgenia, permetteranno di migliorare gli aspetti legati al software di programmazione di CoderBot.

La nuova versione che verrà realizzata con i fondi raccolti sarà fortemente personalizzabile e aiuterà i bambini a imparare e divertirsi al tempo stesso, attraverso giochi che stimolano il problem solving e la capacità di ragionamento astratto.

"Con i fondi raccolti – hanno dichiarato Edoardo Datteri, Leonardo Mariani e Roberto Previtera, rispettivamente ricercatore in Filosofia della scienza, professore ordinario di Sistemi di elaborazione delle informazioni e project manager in ambito informatico ed esperto di robotica - renderemo il CoderBot un robot ancora più funzionale e flessibile: l'interfaccia di programmazione sarà migliorata e resa adattabile in base alle caratteristiche degli utenti e agli obiettivi dell'insegnante. Crediamo che CoderBot possa diventare un utile strumento didattico al servizio della collettività e siamo molto felici che così tante persone abbiano deciso di credere nel nostro progetto".