Sorgenia
cerca
Accedi accedi

I gatti sono più coccolosi di quanto pensiate

  1. Home
  2. Life
  3. I gatti sono più coccolosi di quanto pensiate

Tre ricercatrici hanno voluto sfatare il mito che vede il felino come un animale rigido ed egoista. Una ricerca vi spiega che non è proprio così

Lo sapevate che i gatti ci adorano più delle crocchette? Si, proprio i gatti. Finalmente una ricerca conferma che questi animali vogliono le coccole, anche quando non vi stanno chiedendo il cibo. Il felino viene messo spesso a paragone con l’altro amico dell’uomo, il cane. E risulta sempre che il secondo è molto più “legato” e coccoloso con il padrone del primo, considerato più scontroso e autonomo.

Non vi stiamo prendendo in giro, esiste una prova: la ricerca scientifica pubblicata sul periodico Behavioral Processes, la rivista che si occupa di ricerca sul mondo animale.   

La ricerca sottolinea la falsa credenza che “dipinge i gatti come poco socievoli o addestrabili”, anzi, sono più affettuosi di quanto si pensi. Se il vostro gatto si avvicina miagolando e diventa all’improvviso carino e bisognoso di coccole, probabilmente non è solo perché ha fame.

via GIPHY

 

PRIMA LE COCCOLE, POI IL CIBO

Le fautrici sono state le ricercatrici, Kristyn Vitale Shreve e Monique Udell del Department of Animal and Rangeland Sciences, Oregon State University, e Lindasy Mehrkam del Department of Psychology, Monmouth University.

Le tre studiose sono arrivate a questa conclusione, osservando per un po’ tempo il comportamento di 38 gatti. La colonia di felini è stata prima divisa in due gruppi: 19 gatti domestici e 19 ospiti del rifugio per animali.

Le studiose hanno poi tenuto in isolamento i due gruppi per circa tre ore, per poi sottoporli a stimoli diversi: cibo, odori, giocattoli e “coccole” umane. Alla fine dell’isolamento le tre ricercatrici hanno individuato i gradi di preferenza di ciascun felino, in base a quale stimolo e per quanto tempo venivano attratti. Il risultato eccezionale è che la prima “cosa” che il gatto ha cercato è stato l’affetto umano e gli ha dedicato più del 65% del tempo. Poi subito le crocchette.   

via GIPHY