Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Guida rapida al nuovo contatore del gas elettronico

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Guida rapida al nuovo contatore del gas elettronico

L’Autorità per l’energia e il gas ha stabilito che entro il 2018 verranno sostituiti il 60% dei vecchi contatori con i nuovi smart meter gas, molto più precisi. Ecco cosa dovete sapere

Il contatore del gas elettronico ha la stessa funzionalità dei modelli meccanici, la differenza è che i dati vengono riportati su uno schermo digitale. Grazie ai nuovi modelli, chiamati smart meter gas, sarà più semplice conoscere in tempo reale le informazioni relative alla vostra fornitura di gas. Inoltre, i contatori di nuova generazione faciliteranno la telelettura del consumo per ricevere una bolletta sempre più precisa.

 

LA SOSTITUZIONE DEI NUOVI CONTATORI

L’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI) ha deciso che tutti i vecchi contatore meccanici debbano essere sostituiti gradualmente con i nuovi apparecchi elettronici. Il nuovo contatore del gas elettronico, chiamato anche smart meter gas, favorisce la telelettura a distanza dei consumi della fornitura, espressi in metri cubi. L’operazione di cambio sarà a opera del distributore stesso, senza alcun costo aggiuntivo per il cliente finale.

La sostituzione è stata decisa con la Delibera del 2013, in cui vengono specificate le modalità e le tempistiche con cui verranno sostituiti i vecchi contatori. L’obiettivo dell’Agenzia è di completare il 60% delle sostituzioni entro il 2018.

 

LE INFORMAZIONI CHE TROVATE NEL CONTATORE DEL GAS

Dal contatore del gas elettronico sarà possibile monitorare, dal menu principale, alcune informazioni sullo stato della vostra fornitura di gas. I dati che troverete sul display dello smart meter sono:

-          il consumo del gas in tempo reale;

-          il Punto di Riconsegna (PDR), codice che permette di individuare il punto geografico in cui il gas arriva al contatore;

-          lo stato della valvola e quando l’utenza è attiva è segnalato come “aperta”;

-          la portata massima;

-          registro della curva di prelievo degli ultimi 70 giorni

-          varie anomalie.

 

COME FARE L’AUTOLETTURA CON IL CONTATORE DEL GAS ELETTRONICO

Chi vuole conservare anche con l’arrivo dei nuovi dispositivi la buona abitudine di fornire con regolarità l’autolettura del consumo del gas potrà ovviamente farlo.Anche in questo caso, sarà bene farlo nei dieci giorni precedenti l’emissione della fattura. Solitamente l’arco temporale in cui comunicare la lettura è indicato all’interno della vostra bolletta.

Con il nuovo contatore del gas elettronico è possibile conoscere in ogni momento il consumo energetico calcolato in m3 (metri cubi). Nella maggior parte dei contatori è possibile farlo schiacciando più volte il tasto rosso con la “i” di informazioni.

Per comunicare l’autolettura al fornitore è sufficiente indicare le cifre che precedono la virgola. Una volta che il display mostra le informazioni di cui avete bisogno, si spegne automaticamente. In questo modo si diminuisce il consumo energetico del contatore.

 

 

IL NUMERO DI MATRICOLA

Per sottoscrivere un contratto di fornitura vi verrà richiesto il numero di matricola del contatore del gas elettronico. Questo codice a 8 cifre è molto importante per richiedere l’attivazione di una fornitura di un subentro, volture o cambio di fornitore.

Come conoscerlo? Il numero di matricola lo trovate anche in bolletta, ma se non avete a portata di mano una vecchia fattura potete trovarlo sotto ad un codice a barre. Nella maggior parte dei casi si trova in altro a destra.