Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Crisi delle materie prime critiche, la soluzione arriva dall’Europa -VIDEO

  1. Home
  2. Life
  3. Crisi delle materie prime critiche, la soluzione arriva dall’Europa -VIDEO

Marco Vittori, responsabile Enea dell'Unità Tecnologia dei materiali, ci illustra le tre possibili strade da intraprendere e il bando europeo che prevede la creazione della cosiddetta Kic

È prevista per metà giugno la creazione del centro operativo della KIC (Knowledge and Innovation Community) che, a partire dal gennaio 2016, guiderà gli stakeholder dei 20 Paesi europei coinvolti nel progetto promosso dall’EIT, l’Istituto Europeo per la Tecnologia, per l’individuazione di soluzioni alternative di approvvigionamento delle cosiddette materie prime critiche.

Per approfondire: Più startup e posti di lavoro con il bando europeo sulle materie rare

Per materie prime critiche si intendono quelle non energetiche e non alimentari o di origine organica, i cui problemi di approvvigionamento, di carattere politico, commerciale e ambientale, rendono prioritario un cambio di strategia economica e un forte aggiornamento tecnologico.

Marco Vittori, responsabile dell'Unità Tecnologia dei materiali di ENEA, ci spiega che le possibili strade che la Kic si impegnerà a intraprendere sono tre:

  • lo sviluppo di nuove tecniche di maining (ovvero di “estrazione”) che siano sostenibili dal punto di vista ambientale;
  • l’organizzazione di una intensa e ben coordinata attività di riciclo delle materie critiche dagli apparecchi tecnologici  “a fine vita”;
  • la creazione di materiali sostitutivi che abbiano prestazioni analoghe alle terre rare e simili o di nuove tecnologie che non necessitino di tali materie prime critiche”.