Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Costa Concordia: la nave sarà rimossa a giugno

  1. Home
  2. Life
  3. Costa Concordia: la nave sarà rimossa a giugno

Si è conclusa la conferenza stampa di presentazione delle prossime fasi di smantellamento del colosso di ferro. Il ministro Orlando pubblica la notizia su Twitter

È tempo di anniversari all’Isola del Giglio. Sono infatti passati due anni dal naufragio della Costa Concordia: era il 13 gennaio 2012 quando 32 persone, tra gli oltre quattromila passeggeri a bordo del colosso di ferro, persero la vita sugli scogli dell’isola toscana. 

Solo alla fine della scorsa settimana erano state presentate dal ministro dell’Ambiente Andrea Orlando le prossime fasi del progetto di smantellamento della Costa Concordia. Confermata per il mese di giugno la tempistica per la rimozione della nave. Al momento, secondo quanto dichiarato dal capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, sarebbero ben 12 i porti e le aziende di sei diverse nazioni interessate a smantellare il colosso di ferro, naufragato al largo dell’Isola del Giglio il 13 gennaio del 2012. Si tratta di Cina, Norvegia, Regno Unito, Francia e Olanda.  Il governo “preferirebbe una destinazione nazionale” ha sottolineato il ministro dell'Ambiente. Ad oggi, ha aggiunto Orlando, i “porti italiani in lizza sono Piombino, Genova, Palermo e Civitavecchia”. L'annuncio del luogo dove verrà smaltita la nave non avverrà prima di marzo.

Sciolte le incognite sull’operazione di parbuckling, portata a termine con successo nella notte tra il 16 e il 17 settembre scorso,  le domande riguardano proprio la scelta del porto dove avverrà lo smantellamento del transatlantico e l’eventuale recupero dei materiali. Una decisione tutt'altro che facile, dato che  il transatlantico è stato dichiarato “rifiuto speciale” secondo la Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 2008/98/CE e in quanto tale dovrebbe essere trattato nel porto più vicino, che è quello di Piombino. Stando alla legge l’ultima parola spetta alla Regione Toscana, che potrebbe quindi scegliere Piombino come punto di arrivo della Concordia. Ma non sono esclusi colpi di scena.