Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Come si paga il canone Rai: guida rapida

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Come si paga il canone Rai: guida rapida

Cosa c’è da sapere sulla tassa sulla tv che dal 2016 è stata inserita nella bolletta dell’energia elettrica. Le novità e chi è esentato dal pagamento

Come si paga il canone Rai? Avrete notato nella vostra bolletta della luce un addebito di 10 euro mensili dedicati alla tassa per la tv. Dal 2017 il canone costa meno ed è pagato in piccole rate da gennaio a ottobre, direttamente con la fattura della luce. Alcuni soggetti come, ad esempio, gli anziani che hanno superato i 75 anni o chi non è in possesso di un televisore, sono esentati al pagamento della tassa. Altri soggetti possono richiedere l’addebito direttamente in pensione.

Ecco le cose da sapere su come si paga il canone Rai per il 2017.  

 

COME SI PAGA IL CANONE RAI: BOLLETTA DELLA LUCE

Da luglio 2016 tutti i fornitori di energia elettrica sono tenuti a inserire nella bolletta il costo del canone Rai. Questo addebito deve essere pagato da tutti i possessori di tv o altre apparecchiature che permettono di ricevere il segnale di trasmissioni radiotelevisive.

Da quest’anno il canone Rai si paga con rate mensili di 10 euro, addebitate direttamente in fattura,  per un totale di 90 euro l’anno. La tariffa viene, quindi, scontata di 10 euro rispetto al 2016, secondo le disposizioni della Legge di Stabilità dell’11 dicembre. 

Ma come si paga il canone Rai in caso in cui non si sia titolari di un contratto di fornitura dell’energia elettrica? In questo caso il canone tv può essere pagato con il modello F24 entro il 31 gennaio dell’anno corrente. Il modello di F24 può essere scaricato dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

 

L’ADDEBITO IN PENSIONE

È possibile richiedere l’addebito del canone Rai direttamente dalla pensione. Quest’agevolazione è dedicata ai pensionati che non percepiscono più di 18 mila euro l’anno. La richiesta di addebito deve essere inviata al proprio ente pensionistico entro il 15 novembre dell’anno precedente.

 

CHI DEVE PAGARE IL CANONE TV

Il canone rai deve essere pagato dai tutti i contribuenti che posseggono uno o più apparecchi che permettono la ricezione di trasmissioni radio o radiotelevisive. Sono esentati al pagamento gli anziani che hanno superato i 75 anni di età e che hanno un reddito annuo al di sotto di 6.713,90 euro. Sono esentati anche i titolari di un contratto di fornitura elettrica all’interno di un nucleo familiare in cui già un componente paghi il canone su un’altra utenza. Ad esempio: se due coniugi sono proprietari di due abitazioni, entrambe prime case, solo un coniuge dovrà pagare il canone.

 

COSA SUCCEDE SE NON PAGHI IL CANONE RAI

Una volta chiarito come si paga il canone Rai, vediamo cosa succede in caso di inadempienza. Se non si paga il canone Rai, addebitato in bolletta, la fornitura di corrente elettrica non viene toccata. Il fornitore è però tenuto ad informare l’Agenzia delle Entrate, che provvederà al recupero della tassa. Per i trasgressori sono previste delle maxi multe, dai 200 ai 600 euro.

 

CANONE RAI: A CHI CHIEDERE INFORMAZIONI

Per ricevere maggiori informazioni su come si paga il canone Rai in bolletta o per capire se siete esentati potete consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate, il sito dedicato al canone Rai o il numero verde 800.93.83.62.