Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Codemotion e makers: parola d’ordine “creatività”

  1. Home
  2. What's next
  3. Codemotion e makers: parola d’ordine “creatività”

La tecnologia va a braccetto con la fantasia dei giovani inventori, che sviluppano soluzioni innovative nei settori più diversi, dalla ricerca farmacologica alla mobilità e alla moda. Ecco le novità presentate durante l’evento a Roma

Spazio alla fantasia nell’ampia sezione che Codemotion 2015 ha dedicato ai makers, che ancora una volta dimostrano come la duttilità dei software Open Source possano creare soluzioni sempre nuove per risolvere i problemi della vita quotidiana. Come il cambio automatico per biciclette, che l’Ing. Cristiano Russo ha sviluppato su piattaforma Arduino per recarsi più comodamente a lavoro o semplicemente fare una passeggiata con gli amici.

 

Leggi anche: Codemotion 2015, l’innovazione italiana al centro del mondo

 

Ma la mentalità “maker” ha raggiunto ormai settori molto importanti per la vita stessa delle persone, a partire dalla scienza farmacologica. Come ci dimostra Eugenio Battaglia, giovane ricercatore con l’istinto dell’inventore, che è riuscito a ricavare un microscopio di laboratorio da una semplice webcam e ha creato prototipi biologici attraverso risorse Open Source.

Le tecnologie possono diventare anche dei gioielli, nelle mani di artisti come Conny “Bijoux” Massa, che ha realizzato sempre per Codemotion una linea di orecchini, anelli e collier in cui componenti di elettronica vengono incastonati come fossero ori, brillanti e vetri colorati.

 

Leggi anche: Startup, makers e innovazione: il successo di Codemotion 2015

 

Ma il mondo makers cavalca anche l’onda dell’innovazione più “a la page” del momento, dalla stampa 3D ai droni, per i quali i giovani sviluppatori fanno a gara per trovare le applicazioni più originali.

Non a caso era presente anche Aibotix Italia, azienda che offre servizi di rilevazione aerea tramite UAV (unmanned aerial vehicle). “Perché – spiegano a Energie Sensibili– è importante per noi incontrare giovani appassionati di tecnologia che in futuro potranno aiutarci a sviluppare soluzioni innovative e migliorare così le prestazioni dei nostri droni”.