Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Boom di bici in Italia: le due ruote vendute più delle auto

  1. Home
  2. Life
  3. Boom di bici in Italia: le due ruote vendute più delle auto

In 48 anni è la prima volta che si arresta il trend di crescita del mercato dei veicoli a motori. Questi tuttavia rimangono i preferiti degli studenti delle grandi città

Una e vera e propria rivoluzione green sta attraversando il mondo dei trasporti. Per la prima volta in 48 anni, infatti, sono state vendute in Italia più biciclette che automobili. Basti pensare che solo nel 2012 nel nostro Paese i veicoli immatricolati sono stati 1.400.00 e le due ruote 1.650.000. Una brusca frenata, dunque, al trend di crescita che aveva portato il Belpaese al record di 62 automobili ogni 100 abitanti, compresi i neonati, nelle 50 maggiori città, un terzo in più, dunque, della media europea.

La notizia è stata data direttamente dal Sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti Erasmo D’Angelis nel corso della tredicesima conferenza nazionale sul Mobility Management  e la mobilità sostenibile tenutasi a Bologna la scorsa settimana. Il merito di questa storica evoluzione va data di sicuro ai Comuni che, complice la crisi economica, hanno incentivato l’utilizzo di mezzi di trasporto più amici dell’ambiente, tra cui proprio la bicicletta. In questo modo, sottolineano dal Ministero, si aumenta la qualità dell’aria e di vita degli italiani, oltre che l’attrattiva e la competitività delle singole città.

Così, dopo circa 50 anni, la mentalità degli italiani sembra cambiata. Anche se ancora molto deve essere fatto. Non solo dal punto di vista normativo, con la progettazione di un sistema di incentivi a favore delle due ruote, ma anche e soprattutto dal punto di vista culturale, a cominciare dalle nuove generazioni. Per spostarsi da casa a scuola sono ancora gli scooter e le automobili i mezzi di trasporto preferiti dagli studenti della maggior parte delle città italiane, anche se le distanze da percorrere sono brevissime.

A Roma, ad esempio, il 68,9% degli adolescenti si sposta con veicoli a motore, come anche a Catania, dove l’auto è preferita nel 44,6% dei casi. Si tratta di dati relativi ad una indagine condotta da Legambiente ed Euromobility in collaborazione con Fiab e #Salvaciclisti, dal titolo “Mobilità di classe”, presentata sempre durante la conferenza di Bologna. Lo studio ha analizzato gli spostamenti casa-scuola di più di 5 mila studenti di 8 istituti superiori di altrettante città italiane. Tuttavia, segnali positivi arrivano soprattutto dai centri a Nord della Penisola. A Torino, infatti, i ragazzi prendono in prevalenza i mezzi pubblici, come a Venezia, dove soltanto l’8,7% dichiara di utilizzare l’auto o lo scooter per muoversi.