Sorgenia
cerca
Accedi accedi

5 consigli per essere ecosostenibili anche in vacanza

  1. Home
  2. Smart energy
  3. 5 consigli per essere ecosostenibili anche in vacanza

Il rispetto per l'ambiente non va in ferie. Scegliamo di muoverci come turisti cortesi facendo caso a questi piccoli trucchi di sostenibilità

Il 2019 passerà alla storia come l’anno della riscoperta della coscienza ecologica. La piccola Greta, la ragazzina che con le sue trecce bionde ha parlato a tu per tu con i grandi della Terra, con le sue invettive contro lo sfruttamento e l’impoverimento ambientale del nostro Pianeta ha generato un enorme movimento di giovani, e meno giovani, che hanno iniziato a prendere sul serio i temi legati all’ecologia e all’ecosostenibilità.

Ma cosa possiamo fare per non inquinare anche con i nostri piccoli gesti quotidiani? Ecco di seguito le 5 regole d’oro per essere ecosostenibili anche in vacanza. 

 

LASCIA (SE PUOI) L’AUTOMOBILE IN GARAGE

Partiamo dalle basi: i mezzi di locomozione. Se non è proprio necessario lascia l’auto a casa e preferisci i mezzi pubblici o la bicicletta. La rete ferroviaria italiana è affiancata da numerose piccole reti locali che consentono di raggiungere senza automobile le splendide località turistiche del nostro Paese. Alcuni esempi sono il treno del Sole sul Gargano, a bordo del quale si può raggiungere il caratteristico paesino di Peschici o la splendida spiaggia di San Maneaio, e il treno Cinque Terre Express che partendo dalla stazione di La Spezia porta negli incantevoli borghetti di Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza, Monterosso e Levanto. Quest’accorgimento, tra l’altro, oltre ad essere molto poetico, consente anche un notevole risparmio, cosa che il portafogli apprezzerà.

Se proprio non possiamo fare a meno dell’automobile, prima della partenza controlliamo che gli pneumatici siano alla giusta pressione; in questo modo ridurremo il consumo di carburante e le immissioni di CO2. Preferiamo, infine, una guida senza brusche accelerate e frenate eviteremo di consumare carburante, di stressare il motore e la pazienza dei nostri passeggeri.

cinque terre.jpg

Le Cinque Terre: panorama

HAI SPENTO LA LUCE?

Prima di partire per le nostre meritate vacanze spegniamo tutti gli elettrodomestici che non useremo mentre saremo lontani e controlliamo che non siano in modalità stand by. Se siamo così fortunati da fare lunghe vacanze stacchiamo proprio la spina. Questo ci farà risparmiare e salvaguarderà i nostri elettrodomestici da eventuali variazione di tensione

sostenibili in vacanza.jpg

IN ALBERGO NON SPRECARE ACQUA ED ENERGIA

Se a casa siamo attenti alla bolletta elettrica e dell’acqua perché se andiamo in albergo ci dimentichiamo delle buone regole per non sprecare? L’ecologia non va in vacanza e uno spreco è uno spreco sempre, non solo quando siamo noi a pagarne le conseguenze economiche. Perciò se siamo nella nostra stanza d’albergo o nella nostra casetta affittata, così come in un B&B: 

  • non lasciamo il rubinetto dell’acqua aperto,
  • non accendiamo le luci della stanza quando non ci servono,
  • non impostiamo una temperatura polare con il condizionatore; un paio di gradi in meno rispetto alla calura esterna ci daranno il giusto refrigerio senza appesantire il conto ecologico che il nostro Pianeta paga ogni giorno.

 

A TAVOLA PREFERISCI I PRODOTTI DI STAGIONE E LE RICETTE DELLA TRADIZIONE

Sei in vacanza su una splendida spiaggia italiana e ti viene un’irrefrenabile voglia di hamburger e patatine? Fattela passare e preferisci un pranzo leggero, con verdure di stagione o con il nostro ottimo pesce azzurro. La tradizione gastronomica italiana segue i ritmi delle stagioni nel rispetto della terra. Per questo in spiaggia sì a bruschette o friselle con pomodorini, basilico e alici marinate e no a prodotti confezionati come patatine, merendine e bibite gasate, poco nutrienti, poco digeribili e poco ecologicamente sostenibili.

cibi tipici italiani.jpg

ingredienti tipici della cucina italiana
trancio di pane-pizza con pomodori pachino, origano e cipolla rossa di Tropea

RICORDATI DI RISPETTARE L’AMBIENTE  

Quali sono le regole per un picnìc di successo? Trovare un bel prato verde sul quale stendere una colorata tovaglia estiva, preparare un buon pranzo fresco e appetitoso e ricordarsi di avere con sé una bella busta nella quale raccogliere tutti i nostri rifiuti. Meglio ancora sarebbe non produrre affatto immondizia: l'ideale sarebbe preferire le stoviglie tradizionali in ceramica o acciaio rispetto a quelle in plastica, in commercio ci sono cestini per picnìc bellissimi e molto romantici. In alternativa si possono utilizzare stoviglie e tovaglioli compostabili. Lo stesso vale se facciamo una gita in barca: il mare è la casa dei pesci, non quella della plastica. Ricordiamo sempre di portare via con noi i nostri rifiuti e salvaguardiamo i luoghi del nostro cuore.

picnic.jpg