Sorgenia
cerca
Accedi accedi

wineOwine, ecco l’enoteca online del vino di qualità

  1. Home
  2. My generation
  3. wineOwine, ecco l’enoteca online del vino di qualità

La piattaforma, dall’idea di due giovani abruzzesi, sta riscuotendo molto successo tra i piccoli artigiani dell’uva italiani: con un semplice click è possibile acquistare prodotti introvabili e pregiati

Il vino di qualità della tradizione italiana si compra online direttamente dalle cantine e dai piccoli produttori. Come? Grazie ad una startup made in Abruzzo che da quasi un anno ha portato in rete il meglio dell’enologia nostrana attraverso un viaggio telematico alla scoperta di nuovi prodotti e territori. wineOwine, questo il nome della giovane impresa, porta così all’attenzione del grande pubblico, nazionale ed internazionale, la bontà di bottiglie che altrimenti sarebbero introvabili sugli scaffali della grande distribuzione e nei locali sotto casa.

In Italia ci sono, infatti, più di 200mila produttori, centinaia di vitigni autoctoni e denominazioni e aree produttive diverse. La maggior parte di questi vini è realizzata nelle piccole cantine artigianali che si trovano sparse lungo tutta la Penisola, diventando, grazie alla rete, alla portata di tutti grazie ad un semplice click L’enoteca virtuale di wineOwine si rivolge non solo agli esperti del settore, ma anche ad appassionati e curiosi: si tratta di una fetta importante del mercato agroalimentare, che solo in Europa vale oltre 150 miliardi di euro.

“L’idea di realizzare questa piattaforma – racconta a Energie Sensibili Eros Durante, che insieme a Federico Laurentino De Cerchio è Ceo della startup – è nata proprio davanti ad un buon bicchiere di vino proveniente da una piccola cantina di una regione dell’Italia Settentrionale, praticamente introvabile nei negozi del nostro paese. Così abbiamo deciso di dare una mano ai produttori artigianali locali, che fanno fatica a imporsi sul mercato, data la loro scarsa visibilità, nonostante la qualità e la genuinità dei loro prodotti”.

Sul portale gli utenti hanno la possibilità di acquistare vini altrimenti introvabili e bottiglie esclusive. Ogni settimana vengono proposte nuove etichette, in modo tale da dare visibilità a quanti più artigiani dell’uva possibile. Queste vengono selezionate da un team di sommelier ed enologi secondo due criteri fondamentali: la qualità e il prezzo. “Dall’aprile del 2014, cioè da quando siamo online – continua Eros Durante – abbiamo contrattualizzato un centinaio di piccoli produttori, ma abbiamo scartato un buon 90% delle campionature che ci sono arrivate”.

La startup sta riscontrando grande successo non solo tra i consumatori, ma anche tra gli esperti del settore. Dopo essere cresciuta nell’incubatore di Luiss Enlabs, continua la sua corsa raccogliendo numerosi finanziamenti da investitori privati, confermando il grande interesse per un settore importante per l’economia italiana, quello del vino. “Il valore aggiunto che noi diamo ai professionisti che entrano nel nostro circuito – conclude Eros - è tutto nello storytelling: raccontiamo nel dettaglio la storia di ogni singolo produttore e il processo che sta dietro la realizzazione delle bottiglie”.