Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Who’s she? Il gioco da tavolo sulle donne straordinarie

  1. Home
  2. My generation
  3. Who’s she? Il gioco da tavolo sulle donne straordinarie

Il famoso gioco “Indovina Chi?” si tinge di rosa per celebrare i successi femminili e ispirare le giovani donne

Dopo quarant’anni dalla creazione di Guess Who? (Indovina Chi? italiano), arriva Who’s She?, la versione del gioco da tavolo con declinazione al femminile. Questa volta, raffigurate sulle singole pedine, ci sono grandi donne che hanno cambiato il mondo grazie alle loro idee. 

Questo è stato il punto fermo dell’ideatrice del gioco, Zuzia Kozerska Girard, designer polacca che ha sentito il bisogno di fare qualcosa di concreto sulla questione di genere, che potesse educare fin da piccoli. 

Marie Curie, Frida Kahlo, Malala Yousafzai, Serena Williams. Con questo gioco, la creatrice vuole spostare l’attenzione dal mero aspetto estetico al successo professionale che queste donne straordinarie hanno raggiunto. 

 

OBIETTIVO DEL GIOCO: OMAGGIO ALLE DONNE

Zuzia Kozerska Girard vuole omaggiare le incredibili protagoniste stimolare le bambine a sognare in grande. Prendendo spunto dalle vicissitudini di queste donne che hanno fatto la storia, l’approccio al gioco è incentivare le bambine e, perché no, i bambini, a realizzare i propri sogni in ogni ambito.

Attraverso il women empowerment che emerge dalla storia delle protagoniste di She's Who?, la designer polacca spera che il gioco possa essere educativo e non solo ludico. 

Le donne del gioco sono state coraggiose e hanno avuto la forza di essere diverse. Grazie ai loro trionfi, avventure, scoperte, loro sono riuscite a cambiare il mondo. Questo deve essere il monito per le "piccole" donne che si approcciano alla conoscenza di esse.

Le domande non saranno più “ha i capelli biondi?” o “indossa gli occhiali?”, ma ad esempio “è una scienziata?” o “ha vinto il Nobel?”.

La designer è stata ispirata proprio da donne come Yoko Ono, Cleopatra, Harriet Tubman, Wangari Maathai, Agnodice. Infatti, tra le ventotto donne ci sono artiste, scienziate, medici, scrittrici e attiviste.

 

COSA CAMBIA DAL GIOCO TRADIZIONALE

Quest’anno, il celebre gioco ha compiuto esattamente quarant’anni, ma con She’s Who? si è messa in atto una vera rivoluzione.

Zuzia Kozerska Girard, ottenendo il finanziamento su Kickstarter, la piattaforma di crowfunding, ha reso possibile il suo sogno. Fin da subito, il progetto ha riscosso un enorme successo e ha superato ogni tipo di aspettativa, superando perfino la soglia prefissata all’inizio della campagna di raccolta fondi.  

In Guess Who? i due giocatori hanno a disposizione ventiquattro figure di personaggi con peculiarità fisiche quali il colore della pelle, il colore dei capelli, se indossano oggetti identificativi come gli occhiali o un cappello. Sono presenti diciannove uomini e solo cinque donne.

In She’s Who? le figure sono ventotto e sono tutte donne che si contraddistinguono per le scoperte che hanno fatto e per le esperienze che hanno vissuto, lottando in un ambiente prevalentemente maschile. Il gioco è composto da due tavole in legno di betulla, ognuna con ventotto immagini rappresentanti stupendi ritratti ad acquarello fatti a mano e sono ad opera di Daria Golab, illustratrice polacca classe 1990. Inoltre, ci sono ventotto carte biografiche che raccontano aneddoti divertenti per ciascuna donna e due tavolette con la legenda delle icone rappresentate.

A partire da giugno, le scatole di She’s Who? saranno pronte per essere spedite! Il gioco è stato tradotto, non solo in polacco, ma anche in inglese, in francese, in tedesco, in spagnolo e in italiano. 

Per maggiori informazioni, potete andare su Playeress, fondato proprio da Zuzia Kozerska Girard.

Fatevi ispirare, giocando!