Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Un anno a bordo di Mhybus, l’autobus a idrometano dell’Enea

  1. Home
  2. My generation
  3. Un anno a bordo di Mhybus, l’autobus a idrometano dell’Enea

Nel 2013 tagliate 6 tonnellate di CO2 e 419 euro di costi esterni del trasporto. La fotostoria del progetto di mobilità sostenibile a Ravenna

Più di 45 mila chilometri percorsi, 10 mila passeggeri trasportati e 6 tonnellate di CO2 tagliate. Mhybus, l’autobus a idrogeno e metano realizzato dall’Enea nella città di Ravenna, compie un anno e porta sul piatto una serie di risultati positivi.

L’iniziativa è stata lanciata nel 2012 nell’ambito del programma Life+ dell’Unione europea. In partnership con la Regione Emilia Romagna, l’azienda di tpl Start Romagna, la società di produzione di gas tecnici Sol e il consorzio Aster, l’Enea ha messo a punto un propulsore a metano e idrogeno al 15%, montato su un veicolo Breda MenariniBus. Il mezzo è stato assegnato alla linea 8 del trasporto locale della città di Ravenna e nel 2013 ha percorso in media 212 chilometri al giorno, trasportando migliaia di passeggeri.

La fase di sperimentazione è partita nel gennaio 2013. A distanza di un anno il risultato è sorprendente: la presenza di idrogeno nel carburante ha consentito di tagliare del 15% la quantità di anidride carbonica emessa, per un totale di 5,98 tonnellate tra gennaio e settembre. Interessante anche l’impatto sui costi di esercizio del veicolo, compresi tra gli 800 e i 1000 euro per il 2013, con una riduzione dei costi esterni del trasporto grazie all’utilizzo dell’idrometano di 419 euro.

Il motore del Mhybus è stato spostato nella sede napoletana dell’Istituto motori del Cnr. Laboratori specializzati stanno eseguendo test ad hoc su alcune componenti del propulsore, per verificarne eventuali danneggiamenti a seguito del contatto prolungato con l’idrogeno. Considerato il bilancio positivo della sperimentazione, il progetto potrebbe infatti aprire una fase tutta nuova della mobilità urbana, con significativi benefici ambientali ed economici.