Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Turismo sostenibile: nuovi posti di lavoro e idee per la ripresa

  1. Home
  2. Life
  3. Turismo sostenibile: nuovi posti di lavoro e idee per la ripresa

Bankitalia: cala il saldo positivo della bilancia dei pagamenti turistica, ma il settore regge sul fronte dell’occupazione (dati Unioncamere). Gli alberghi più ecologici e innovativi d’Italia

Negli ultimi vent’anni il settore turismo ha dato un contributo importante all’economia italiana ma le risorse naturali, archeologiche e architettoniche del nostro Paese non sono sfruttate al massimo delle potenzialità e la bilancia dei pagamenti turistica ha via via ridotto il proprio saldo positivo. Sono le conclusioni dell’occasional paper di Bankitalia sul turismo, che esamina i dati del settore dal 1992 al 2002. Sebbene la spesa dei turisti stranieri nel nostro Paese sia aumentata del 5,2%, quella degli italiani all’estero è cresciuta del 9,5% con un avanzo nel periodo gennaio-aprile 2014 di 1.911 milioni di euro, contro i 2.040 milioni dello stesso quadrimestre del 2013.

 

250 MILA ASSUNZIONI E 72 MILA NUOVI POSTI DI LAVORO

Il turismo rappresenta anche una risorsa in termini di occupazione. Secondo una ricerca Unioncamere sul secondo trimestre del 2014 saranno circa 72 mila i posti di lavoro in più nel settore e 250 mila le assunzioni complessive. Cuochi e camerieri saranno le professioni più richieste, seguite da addetti alle pulizie, commessi e impiegati ai servizi di accoglienza presso le strutture ricettive. Gran parte dei nuovi occupati è concentrata nelle regioni del Nord-Est – di recente a Trento è stata firmata una convenzione fra Enaip e l'Associazione albergatori e imprese turistiche della Provincia autonoma per sostenere i tirocini formativi dei giovani – e nel Mezzogiorno.

 

 

GLI HOTEL PIU' SOSTENIBILI D'ITALIA

In questo contesto è sempre più consolidato il trend di crescita del cosiddetto “turismo sostenibile”: agriturismi e alberghi “eco”, uniti alla possibilità di tour enogastronomici e visite nelle centinaia di aree protette del nostro Paese, fanno della vacanza verde in Italia un business da 12 miliardi di euro l’anno.

Toscana e Trentino Alto Adige le mete più ambite ma anche quelle più attrezzate per gli amanti del turismo a contatto con la natura. Proprio in provincia di Trento si trova, ad esempio, l’albergo più sostenibile d’Europa. È l’Ecohotel Bonapace, la prima struttura certificata passiva progettata e costruita con materiali di riciclo e tecniche di alta efficienza energetica. Legno, polistirene espanso e fibrogesso sono solo alcuni dei materiali con cui è realizzato l’edificio, che consuma il 90% in meno di un altro albergo di dimensioni equivalenti e nel proprio ristorante serve solo alimenti a chilometro zero.

Oltre all’esperienza dell’Ecohotel Bonapace sono 41 gli alberghi, agriturismi e B&B in Italia attivi sul fronte della green economy. Uso di fonti rinnovabili di energia, implementazione di sistemi di risparmio energetico, corretto smaltimento dei rifiuti e cibo biologico sono solo alcune delle buone prassi che Legambiente ha considerato nell’assegnazione degli Oscar della sostenibilità 2014. Su oltre 400 aziende circa il 10% - 41 appunto – ha ottenuto il bollino dell’associazione del Cigno verde, certificazione di un turismo sostenibile e di qualità.

Sempre Legambiente ha assegnato all’Hotel Corazziere di Merone, in provincia di Como, il “Premio Talento 2014” nella sezione “imprese ospitali”. Stesso riconoscimento nella categoria “nuove idee di prodotto” a Fabrizio Marra, “inventore” del turismo astronomico certificato. La sua idea, che unisce ecologia e turismo, è quella di creare una rete di strutture certificate su dei parametri relativi a inquinamento luminoso e risparmio energetico, dove gli appassionati di astronomia possano trovare un luogo di relax e vacanza ma anche delle postazioni ideali, lontane da fonti di luce artificiale, per osservare il cielo stellato.

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di  Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter.