Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Tessile in ripresa, nel 2014 su produzione industriale ed export

  1. Home
  2. What's next
  3. Tessile in ripresa, nel 2014 su produzione industriale ed export

Chiude a Fieramilanocity Milano Unica: in Italia 50 mila le imprese del settore, tra i comparti fa meglio quello dei tessuti a maglia

Chiude oggi a Fieramilanocity Milano Unica, il 19esimo Salone italiano del tessile, che quest’anno ha messo in mostra i migliori prodotti per la stagione Autunno/Inverno 2015-2016. Oltre 400 le aziende che hanno esposto tessuti, pelle e denim e ben 74 i Paesi stranieri che hanno partecipato alla manifestazione.

 

 

LA FILIERA ITALIANA DEL TESSILE

La filiera del tessile italiano è costituita da una miriade di piccole e micro imprese. Circa 50 mila realtà che la crisi economica degli ultimi anni ha messo a dura prova; si calcola che un quinto abbia cessato la propria attività dal 2009.

Nel 2013 il fatturato del settore ha superato i 7,7 miliardi di euro, con una flessione media del 3,2% rispetto all’anno precedente. Secondo il Centro studi di Sistema Moda Italia (SMI) oltre un terzo del giro d’affari è stato legato al comparto della produzione della lana; a seguire cotone, maglia, seta e lino.

 

 

NEI PRIMI SEI MESI DEL 2014 PRODUZIONE IN CRESCITA DEL + 7,6%

In ripresa invece i primi mesi dell’anno in corso. Da gennaio ad aprile 2014 la produzione è aumentata del 7,6%, l’export del 4,2% e l’import del 7,5%. Nel dettaglio dei comparti è cresciuto a due cifre l’export e l’import dei tessuti a maglia (rispettivamente +14,8% e +16,2%).

Romania (+16,6%), Spagna (+12,3) e Portogallo (+14,5%) sono i mercati più redditizi del Vecchio Continente, mentre tra gli extra-Ue crescono gli Stati Uniti (+14,9%). La Germania continua ad essere comunque il principale mercato di sbocco, con una quota superiore all’11% del totale esportazioni. In flessione i flussi verso l’Asia, Giappone in testa con un -11,1%. Nel complesso si è avuto un surplus della bilancia commerciale di circa 600 milioni di euro. Per quanto riguarda le importazioni, infine, sono aumentate quelle dal Pakistan (+16,8%), dalla Turchia (+12,8%) e dalla Cina (+7,7%).

 

@fenicediboston

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di  Energie Sensibili seguici su Facebook e Twitter.

 

(Foto: Milano Unica)