Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Tecnologia e innovazione, il futuro dei makers italiani

  1. Home
  2. What's next
  3. Tecnologia e innovazione, il futuro dei makers italiani

Dal cibo alla birra 2.0, dalla sanità alla moda digitale, ecco le storie e le nuove idee presentate alla scorsa Maker Faire

Innovazione, tecnologia e artigianato. Dal 16 al 18 ottobre scorso la città universitaria de La Sapienza di Roma ha ospitato la terza edizione della Maker Faire, la più grande fiera europea tra stampanti 3D, creazioni, aziende, multinazionali e inventori provenienti da tutto il mondo.

 

Nuove idee e progresso digitale hanno caratterizzato la tre giorni fieristica, una sorta di quarta rivoluzione industriale che guarda al futuro.

È il caso di Open Biomedical Initiative, il progetto di un gruppo di ricercatori e volontari che sviluppa presidi sanitari tecnologici gratuiti per le popolazioni povere. La comunity ha sviluppato la prima incubatrice neonatale stampabile con stampante 3D.

 

L'innovazione non risparmia nessuno e investe anche il cibo. Così si passa dalla macchina per stampare informazioni sulle tagliatelle a un app per scaldare il tè a regola d'arte, passando per un orto verticale a misura di anziani e disabili.

Per gli amanti della birra, invece, ecco quella 2.0 grazie alla piattaforma opens source che si basa su arduino e controlla il processo di birrificazione.

Anche la moda guarda al futuro, è il caso delle creazioni digitali del progetto WeMake che sfrutta software e macchinari innovativi per realizzare vestiti particolari.

 

Per approfondire il tema e conoscere le storie presentate alla fiera LEGGI LO SPECIALE DI ENERGIE SENSIBILI: “INNOVAZIONE MADE IN ITALY: IL MEGLIO DELLA MAKER FAIRE 2015”.