Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Sorgenia vince gli Oscar dell'inclusione

  1. Home
  2. My generation
  3. Sorgenia vince gli Oscar dell'inclusione

L'adv "Domani è una figata!" con protagonista Bebe Vio si aggiudica il premio come "Miglior campagna pubblicitaria" ai Diversity Media Awards 2019

Immaginare un futuro migliore è possibile, ma non si può scommettere sul futuro senza prima aver eliminato un ostacolo, una parola troppo spesso utilizzata con un'accezione negativa: diverso. Sorgenia lo sta facendo raccontando quotidianamente la sua visione di sostenibilità non solo ambientale ma anche sociale, attraverso la sua campagna adv. Un esempio è il film "Domani è una figata!", la campagna pubblicitaria che proprio ieri si è aggiudicata ai Diversity Media Awards il premio per la categoria "Miglior campagna pubblicitaria". L'adv e la protagonista - la campionessa paralimpica Bebe Vio - hanno contribuito a raccontare la visione di un mondo dove tutti hanno gli stessi diritti. 

Il Presidente dei DMA Francesca Vecchioni ha confermato quanto sia importante mostrare come la realtà sia fatta di diversità: “perché serve per riconoscere sé stessi e gli altri nelle immagini e nelle storie raccontate dai media. Il nostro compito è premiare chi sa farlo bene”. Un ottimo modo per diffondere la cultura dell’inclusione che riguarda il genere e l’identità, l’orientamento sessuale, l’età, le generazioni e la (dis)abilità.  

 

 

“DOMANI È UNA FIGATA!” È LA MIGLIOR CAMPAGNA PUBBLICITARIA DEL 2018

“Sono molto contenta e soddisfatta del risultato raggiunto, ‒ ha dichiarato Miriam Frigerio, Head of Brand & Communication di Sorgenia ‒  perché anche chi fa comunicazione per la propria azienda può essere portatore di una visione della società che non deve essere delegata solo a chi si occupa direttamente di inclusione”. La campagna pubblicitaria “Domani è una figata!” ha rappresentato una vera e propria sfida in cui Sorgenia ha impiegato tutta la sua energia.

“Bebe per noi è l’emblema del successo e della positività, ‒ ha affermato Miriam Frigerio ‒ qualche anno fa sarebbe stata un’esclusa”. Da qui la riflessione: “è questo il mondo che vogliamo?”. No. Per questo motivo la digital energy company italiana non si è messa di lato, ma si è assunta l’impegno di dire la sua sulla società e la sua evoluzione. 

 diversityawards_sorgenia.jpg

 

IL FUTURO? UNA FIGATA ED È GIÀ QUI!

Nel film, le parole di Bebe sono accompagnate da immagini di quella che dovrebbe essere la vita quotidiana in una società che ha fatto passi da gigante per correre veloce verso l'integrazione. In soli 30 secondi si racconta una visione che punta a sradicare tutti quegli stereotipi che non permettono di guardare oltre le barriere, che siano culturali, di genere o di orientamento sessuale. La trasformazione sociale viene rappresentata da diversi fotogrammi, dai bambini di diverse etnie che si divertono insieme, al padre che cucina per i suoi figli, passando per una donna al lavoro e una coppia di ragazze omosessuali. 

I protagonisti dello spot si muovono sulle note della colonna sonora, Futura” di Lucio Dalla, un vero e proprio inno al domani, Bebe descrive la bellezza dei tempi che stiamo vivendo. Un futuro migliore che è già oggi e che si può riassumere in tre parole: inclusione sociale, tecnologia e opportunità.