Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Autoritratti di donne che hanno avuto il coraggio di chiedere aiuto

  1. Home
  2. Life
  3. Autoritratti di donne che hanno avuto il coraggio di chiedere aiuto

Al via la mostra di autoritratti di donne accolte da La Grande Casa Onlus, aperta tutti i weekend di marzo presso la sede milanese di Sorgenia

Una donna ha incastonato nel suo autoritratto l'ecografia del suo bambino, legando per sempre il suo volto a suo figlio, il gioiello più prezioso. Un'altra donna ha scelto di inserire una poesia che l’ha sostenuta nei momenti più difficili della sua vita.

Sono solo alcuni dei dettagli racchiusi nei 21 quadri della mostra “Ri-belle”, inaugurata a Milano in occasione della Festa della Donna. Sono state messe in mostra le opere di donne che hanno avuto il coraggio di chiedere aiuto e che, grazie al sostegno e alla cura della Onlus La Grande Casa, sono riuscite a riprendere in mano la loro vita, “di raccontarsi liberamente – come ha dichiarato Liviana Marelli, Direttrice della Onlus - e di tornare a camminare sulla loro strada”.

Il lavoro intorno alla mostra ha avuto un potere terapeutico sulle donne che hanno trovato, attraverso l’arte, un canale di sfogo creativo. Le autrici degli autoritratti hanno affrontato un mondo di colori e ricordi per comporre un’opera che racchiudesse loro stesse e la loro voglia di rivincita. 

 

LA FORZA DELLE DONNE IN PRIMA LINEA

Rispetto, parità e rifiuto della violenza di genere devono essere parole chiave da ricordare ogni giorno, non solo l’8 marzo e il 25 novembre. «Noi vogliamo festeggiare la Festa della Donna celebrando le donne che hanno avuto il coraggio di chiedere aiuto e – ha dichiarato Gianfilippo Mancini, Amministratore Delegato della digital energy company italiana - hanno trovato mani sapienti che le hanno aiutate. Sorgenia vuole sentirsi come una dependance de La Grande Casa, che contribuisce ogni giorno a sostenere le donne».

 

«La nostra speranza – ha affermato Liviana Marelli, Presidente de La Grande Casa – è di non essere più utili in futuro perché vorrà dire che la società ha trovato la strada per essere davvero inclusiva e rispettosa».

RI-BELLE, DONNE LIBERE DI RACCONTARSI

«La forza di questa mostra è l’intensità delle emozioni – ha raccontato Elisabetta Reicher, illustratrice e curatrice della mostra – descritta in maniera leggera, come la perfetta sintesi del loro vissuto e della tecnica pittorica che hanno utilizzato».

La curatrice, insieme alla Onlus, ha voluto dare un’identità al progetto, scegliendo l’autoritratto come rappresentazione di come la donna stessa si vede o vorrebbe essere vista dagli altri. Il profilo del volto di ciascuna donna è stato ricalcato sulla tela ed è stato arricchito con piccoli stralci della loro vita, manifestati dal testo di una canzone o dal disegno di loro figlio. Una sorta di patchwork della loro esperienza, utilizzando la pittura e la tecnica del collage.

 

La mostra è aperta solo nei weekend di marzo dalle ore 15:00 alle 20:00

Sede: Sorgenia, via A. Algardi 4, Milano

Ingresso gratuito