Sorgenia
cerca
Accedi accedi

A scuola in bicicletta: al via in Italia il primo Bike to School Day

  1. Home
  2. Life
  3. A scuola in bicicletta: al via in Italia il primo Bike to School Day

L’iniziativa si svolgerà venerdì 29 novembre a Milano, Roma, Napoli, Bologna e Caserta: bimbi e genitori useranno le due ruote per i loro spostamenti

Andare a scuola non è mai stato così bello: niente auto e clacson impazziti di prima mattina, ma bimbi e genitori che in bici attraversano senza pericoli la città. Non è un sogno, ma quello che avverrà venerdì 29 novembre nelle cinque città italiane che aderiranno al primo Bike to School Day nazionale, l’iniziativa che nata sui social network sta riscuotendo grande successo tra grandi e piccini. Milano, Bologna, Roma, Napoli e Caserta saranno così invase da centinaia di ciclisti che dimostreranno come spostarsi sulle due ruote è più sicuro, divertente e soprattutto sostenibile che utilizzare macchine e motorini.

 

L’evento è stato lanciato su internet e in poco tempo ha ricevuto tantissime adesioni: sono centinaia le scuole che dal Nord al Sud della Penisola diventeranno per una mattina bike-friendly. Soltanto a Roma, dove già lo scorso settembre i genitori degli alunni di una scuola nel quartiere Esquilino avevano sperimentato il primo Bike to School supportati dall’associazione #salvaciclisti, gli istituti che parteciperanno sono 20. In questo modo vengono incoraggiati i bambini ad una pratica che altrove in Europa è ormai una abitudine, mentre in Italia ancora una eccezione.

 

Nella Capitale gli assessorati alla Scuola e alla Mobilità hanno concesso il patrocinio del Comune ai “bicibus” in partenza per gli istituti coinvolti. A Milano la mobilitazione di grandi e piccoli si sta organizzando su Facebook: sono previste partenze a partire dalle ore 8 dal Parco Solari, dalla fermata della metropolitana Gorla, da via Cuccagna, da Piazza Santa Maria Delle Grazie e da altri punti della città per raggiungere tutti insieme le scuole vicine in bici. Lo stesso anche a Bologna e a Napoli, dove l’associazione Spaccanapoli Bike accompagnerà i piccoli delle elementari.

 

La presenza sempre più massiccia di cittadini che preferiscono la bicicletta per i loro spostamenti sta stuzzicando la curiosità degli organi di informazione e la coscienza delle istituzioni, al punto tale che si parla anche della realizzazione di un nuovo codice della strada che tuteli anche chi predilige le due ruote all’automobile. In particolare, secondo quanto previsto dalla proposta di legge presentata dalla Rete Mobilità Nuova, bisogna intervenire sulla riduzione della velocità in ambito urbano per limitare il numero di incidenti.