Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Scaldabagno elettrico, usiamolo al meglio

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Scaldabagno elettrico, usiamolo al meglio

È il detentore del record negativo del consumo di energia elettrica in casa. In alcune abitazioni è però l’unica alternativa possibile. Vediamo come usarlo al meglio

Lo scaldabagno elettrico è il campione negativo dei consumi elettrici nelle nostre case, ed è anche uno degli elettrodomestici meno efficienti. In alcune case non esiste però la possibilità di sfruttare altre fonti energetiche come gas, legna o pellet. In questi contesti l’installazione di un boiler elettrico è l’unica scelta praticabile ma esistono comunque degli accorgimenti che ci possono consentire di sfruttarne al massimo le potenzialità.

CAPACITÀ – La prima considerazione va fatta sulla dimensione della caldaia elettrica da installare che deve essere commisurata alle reali esigenze della nostra famiglia. Un boiler troppo grande non verrà mai sfruttato del tutto e sarà solo motivo di spreco di energia elettrica.

POSIZIONAMENTO – Per facilitare il compito del boiler elettrico, questo dovrà essere installato in una zona protetta della casa. Il più possibile lontano da finestre e pareti fredde perché esposte a nord o al vento. È inoltre importante che non ci sia troppa distanza tra lo scaldabagno e i rubinetti, per evitare che troppo calore venga disperso dai tubi lungo il tragitto. Consigliabile anche l’installazione ai rubinetti di bocchette rompigetto che consentono uno sfruttamento migliore dell’acqua erogata.

 

RAZIONALITÀ – Cerchiamo di accendere il boiler solo poco prima dell’effettivo utilizzo e non impostiamo il termostato a una temperatura superiore ai 60 gradi centigradi in inverno e ai 40 gradi in estate. In ogni caso, cerchiamo di limitare il consumo d’acqua facendo attenzione a non riempire troppo la vasca o evitando di lasciare aperto il flusso della doccia anche quando non ci siamo sciacquando.

MANUTENZIONE – Al pari di lavatrice e lavastoviglie, il boiler scalda l’acqua attraverso l’attivazione di una resistenza elettrica che è esposta all’accumulo del calcare disciolto. Quando l’accumulo diventa eccessivo, la resistenza perde gran parte della propria efficienza. Per questo è fondamentale rivolgersi periodicamente a personale specializzato che provvederà a liberare la resistenza dal calcare, eventualmente sostituendola.



FONTI:

Adiconsum,  Guida "Risparmiare energia - elettrodomestici"
Enea, 10 COM ... portamenti tanto per cominciare; Il decalogo per risparmiare con cura
Movimento consumatori, Piccoli gesti quotidiani
Cittadinanza attiva, Guida "Il risparmio energetico"