Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Risparmio ed efficienza: dall’Ue strumenti per ridurre le bollette delle pmi

  1. Home
  2. Smart energy
  3. Risparmio ed efficienza: dall’Ue strumenti per ridurre le bollette delle pmi

La Commissione ha stanziato 2 milioni di euro per “Sinergia”, il progetto che coinvolge le piccole e medie imprese del settore agroalimentare, in collaborazione, in Italia, con l’Enea. C’è tempo fino al 31 maggio per iscriversi alla gara per aziende soste

Taglio dei consumi e della bolletta per le piccole e medie imprese del bacino del Mediterraneo che si occupino di agroalimentare. È questo l’obiettivo del progetto europeo “Sinergia”, che mette in campo una serie di strumenti a disposizione di queste realtà imprenditoriali per la promozione di interventi di efficienza energetica e di diffusione delle tecnologie rinnovabili. In Italia è l’Enea che coordina il programma, cofinanziato con due milioni di euro dalla Commissione nell’ambito del Programma di cooperazione transnazionale MED.

 

PIATTAFORMA WEB E DATABASE EUROPEO CON GLI ESEMPI MIGLIORI: ECCO SINERGIA

Nell’ambito di Sinergia, è stata realizzata una piattaforma web, che permette alle imprese di verificare i propri consumi energetici, valutarli in maniera autonoma e stabilire quali gli interventi necessari per il risparmio. Tra gli altri strumenti, presentati alle pmi italiane dall’ Enea, c’è anche il database europeo Fet (Food energy technology), con le tecnologie più innovative da applicare ai settori e processi del comparto agroalimentare, e un atlante che consente di segnalare geograficamente le aziende che hanno già introdotto innovazioni significative e possono essere considerate come esempi da seguire, ma anche i fornitori delle tecnologie stesse.

 

OLTRE ALL’ITALIA SONO COINVOLTE ANCHE SPAGNA, FRANCIA, CROAZIA E GRECIA

Tutte le informazioni sono rese disponibili grazie alla collaborazione delle Camere di commercio, delle agenzie per l’energia e agli sportelli per l’innovazione attraverso i propri help desk locali, che avranno anche il compito di promuovere questi strumenti per il taglio dei consumi delle pmi italiane. Ma le aziende nostrane non sono le uniche a poter beneficiare dei servizi comunitari. Oltre all’Enea, sono coinvolti anche istituti di ricerca, federazioni di categoria e centri di trasferimento tecnologico di Francia, Spagna, Slovenia, Croazia e Grecia.

 

L’ESPERTO: “COSÌ SI AUMENTA LA COMPETITIVITÀ DELLE PMI DEL MEDITERRANO”

Come sottolinea Nicola Colonna, agronomo Enea, “il progetto vuole stimolare la cooperazione tra i territori per fare del Mediterraneo una regione competitiva a livello internazionale, assicurando crescita e occupazione, oltre a promuovere la coesione e la tutela ambientale in un’ottica di sviluppo sostenibile”. Il progetto si conluderà con lo sviluppo di un sistema di autodiagnosi energetica a servizio delle pmi, per aumentare la loro consapevolezza su risparmi e benefici derivanti dall’utilizzo di tecnologie avanzate da questo punto di vista.

 

UNA GARA EUROPEA PER LE IMPRESE PIÙ EFFICIENTI

Per ridurre il consumo energetico delle pmi, a livello europeo sta partire anche la "Coppa per il Clima delle Imprese europee". Si tratta di una gara tra 300 piccole e medie imprese dei paesi che fanno parte dell’Unione, che si aggiudicheranno il titolo di campioni energetici. La competizione, che fa parte del programma Intelligent energy Europe, prenderà il via il prossimo 28 aprile e si articolerà su due livelli, uno nazionale ed un altro comunitario, con l’intento di promuovere abitudini responsabili e sostenibili per gravare il meno possibile sull’ambiente esterno e sulla bolletta interna. Per partecipare bisogna iscirversi sul sito dedicato entro il 31 maggio 2015, mentre i vincitori verranno premiati a Bruxelles a giugno 2016.