Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Reti di impresa: da Mise e Ue 20milioni di euro per lo sviluppo digitale

  1. Home
  2. What's next
  3. Reti di impresa: da Mise e Ue 20milioni di euro per lo sviluppo digitale

Sono 15 i milioni messi a disposizione dal Ministero per lo sviluppo dell’artigianato digitale e della manifattura sostenibile. Da Bruxelles altri 5 milioni sono destinati alle aziende che sviluppino progetti di monitoraggio ambientale

Le nuove tecnologie al servizio dell’artigianato e dell’ambiente. Dal Mise e da Bruxelles sono in arrivo finanziamenti per aziende, pmi e reti di impresa che dedichino la propria attività alla creazione di prodotti all’avanguardia e con benefici anche per la cittadinanza.

 

DAL MISE 15 MILIONI DI EURO PER LA MANIFATTURA SOSTENIBILE

Sono quindici i milioni di euro messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo economico per finanziare le attività di aziende e pmi che si dedichino all’artigianato digitale e alla manifattura sostenibile. Il sovvenzionamento fa parte del fondo istituito dalla Legge di Stabilità per il biennio 2014-2015.  L’obiettivo è quello di sostenere programmi di sviluppo, condivisione e fruizione di tecnologie per la fabbricazione di nuovi prodotti e la promozione di processi produttivi non convenzionali.

Gli incentivi sono destinati, in particolare, alle aziende riunite in associazioni o alle reti di impresa costituite per almeno il 50% da artigiani e microimprese. Questi dovranno impegnarsi nella creazione di centri di sviluppo di software e hardware a codice sorgente aperto, per la diffusione delle informazioni alle scuole, agli artigiani, alle pmi e a tutta la cittadinanza; di centri dedicati a servizi di fabbricazione digitale e per l’incubazione di nuove realtà innovative nel settore dell’artigianato digitale. Sarà finanziata anche la nascita di startup artigianali e di nuove reti manifatturiere incentrate su questa tecnologia all’avanguardia.

Le imprese che decideranno di usufruire del Fondo avranno accesso ad una sovvenzione rimborsabile pari al 70% delle spese ammissibili, che non dovranno essere inferiori a 100mila euro e superiori a 1,4 milioni di euro. La parte non rimborsabile è concessa a titolo di contributo in conto impianti o in conto gestione. Termini e modalità per usufruire dei finanziamenti saranno resi noti dal Ministero stesso con un successivo provvedimento.

 

UE: GARA DA 5 MILIONI DI EURO PER LA REALIZZAZIONE DI SMARTPHONE A SERVIZIO DELL’AMBIENTE

Per rafforzare la capacità di monitoraggio ambientale la Commissione europea, attraverso il programma Horizon 2020, mette a disposizione 5 milioni di euro per tutte quelle aziende e reti di impresa, ma anche ricercatori che diano vita a applicazioni originali e tecnologie all’avanguardia con una riduzione dei costi di gestione delle soluzioni di monitoraggio stesse. Il termine ultimo per presentare domanda è l’8 settembre 2015.

I dati raccolti dovrebbero integrare quelli di sistemi già esistenti come Copernico. La sovvenzione coprirà il 70% dei costi sostenuti mentre il contributo previsto potrà essere compreso tra i 3 e i 5 milioni d euro. 

 

Leggi anche. Manifattura e digitale: ecco due iniziative da non perdere per le pmi