Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Pmi: dall'Ue la Guida per i finanziamenti ai nuovi imprenditori

  1. Home
  2. What's next
  3. Pmi: dall'Ue la Guida per i finanziamenti ai nuovi imprenditori

Si chiama “A beginner’s guide to Eu funding” il vademecum per le nuove imprese, ma anche per giovani, ricercatori e Ong. Ecco come accedere ai fondi e quali i bandi disponibili

Per tutti coloro che hanno intenzione di diventare imprenditori e lanciare la propria innovativa con una startup nei prossimi 5 anni è arrivata direttamente da Bruxelles un vademecum per accedere ai fondi, per conoscere i bandi disponibili e i requisiti e le politiche comunitarie per le piccole e medie imprese. È stata infatti pubblicata la nuova Guida dell’Ue dedicata ai finanziamenti 2014-2020, dal titolo “A beginner’s guide to Eu funding”, indirizzata in primo luogo a chi intende per la prima volta avvicinarsi a questo universo, ma anche a coloro che hanno avuto precedenti esperienze in Pmi, Ong e negli enti di ricerca.

 

TRASPORTI E ENERGIA I SETTORI PIÙ RICHIESTI PER I FINANZIAMENTI

Dai trasporti all’energia, dall’innovazione all’occupazione giovanile. Questi e tanti altri sono i campi di finanziamento dell’Unione europea. Si tratta, nella maggior parte dei casi, di sovvenzioni dirette, a cui in genere si accede tramite una “call for proposal”, o di contratti pubblici, che invece funzionano tramite gare d’appalto e riguardano anche studi e ricerche, organizzazione di eventi e consulenze. Accanto a queste ci sono poi anche i prestiti alle aziende, premi e altre garanze. Tuttavia, la Commissione è tenuta solo a monitorare lo stato di questi sovvenzionamenti, che vengono tuttavia concessi dai singoli Stati.

 

HORIZON 2020 E COSME TRA GLI STRUMENTI DI SOVVENZIONAMENTO ALLE IMPRESE

Per il periodo considerato, sono previsti quattro principali strumenti di finanziamento alle imprese. Il più famoso, e corposo, è il programma Horizon 2020, che mette a disposizione fondi per progetti di efficienza energetica, riduzione dell’inquinamento atmosferico e industrial leadership. Accanto a questo, c’è il CEF (Connecting Europe Facility), che prevede aiuti per le idee degli ambiti trasporto, energia e Ict. Alle Pmi sono destinati, infine, sia il programma Cosme, per sostenere la loro crescita attraverso garanzie sui prestiti e partecipazione al rischio di capitale, e Sme instrument, costituito da un bacino di 2,5 milioni di euro.

 

Leggi anche: Innovazione e ricerca: 10 milioni dall'Ue per Pmi e reti d'impresa

ATTENZIONE A GIOVANI E AGRICOLTURA

Molte le misure previste da Bruxelles anche per aiutare l’occupazione giovanile a tornare su livelli accettabili. Tra le altre, si ricordano lo Youth Employment Initiative, che supporta coloro che hanno terminato il percorso di formazione, e lo Youth Guarantee, un nuovo approccio per affrontare la disoccupazione degli under 25. Grande attenzione è data anche al mondo dell’agricoltura, da sempre uno dei settori più importanti per l’economia del Vecchio Continente, a cui sono destinati pagamenti diretti per il supporto delle attività (Eagf) e altri investimenti per la sicurezza alimentare e ambientale, previsti da Horizon 2020.