Sorgenia
cerca
Accedi accedi

Partite Iva, dal 2016 nuove agevolazioni per gli imprenditori

  1. Home
  2. What's next
  3. Partite Iva, dal 2016 nuove agevolazioni per gli imprenditori

Il governo cambierà i parametri del regime dei minimi abbassando l'imposta forfettaria dal 15% al 5% alzando il tetto massimo di ricavi da 15 mila a 30 mila euro per usufruire delle novità fiscali

Buone notizie in arrivo per le Partite Iva. Il governo ha confermato l'idea di apportare delle correzioni al regime dei minimi che agevolerà professionisti e startup che iniziano l'attività imprenditoriale.

 

REGIME DEI MINIMI

Il regime dei minimi è stato introdotto dalle legge finanziaria del 2008, si tratta di uno strumento di agevolazione fiscale per quei contribuenti la cui attività d'impresa o professionale abbia determinati requisiti. La prima condizione per usufruirne è svolgere un lavoro con un incasso non superiore ai 15 mila euro. Quindi, chi decide di iniziare una nuova attività in autonomia con Partita Iva e presume, almeno inizialmente, di avere introiti annuali non superiori a questa cifra può rientrare in tale regime fiscale.

 

LE MODIFICHE

Con la modifica del governo la quota minima di introiti previsti salirà a 30 mila euro, un'ottima notizia per tutti i liberi professionisti dal momento che l'innalzamento del tetto massimo farà raddoppiare la nascita di Partite Iva. Infatti, a beneficiare di questo provvedimento saranno 1 milione e 800 mila lavoratori che sulle dichiarazioni hanno riportato un volume d'affari entro i 30 mila euro.

Inoltre, l'imposta forfettaria molto probabilmente passerà dal 15% al 5%, un passo indietro al 2008 quando il regime entrò in vigore prima di subire delle modifiche svantaggiose per gli imprenditori.

In realtà il governo aveva già deciso di prorogare fino al 31 dicembre 2015 la possibilità di adesione al vecchio sistema con applicazione del regime fiscale agevolato al 5% ma dal 2016 ecco che la misura unica potrà essere utilizzata nei primi cinque anni di attività imprenditoriale.

 

TAX DAY

Il Sottosegretario del Ministero dell'Economia e delle Finanze Enrico Zanetti ha comunicato che verrà introdotta anche una tax day. Si tratta di una scadenza unica entro la quale si potranno saldare determinati tipi di imposte per semplificare gli adempimenti burocratici connessi al pagamento delle tasse.

“Più la dimensione di un'attività commerciale è ridotta, più aumenta l'insostenibilità dei costi diretti e indiretti degli adempimenti burocratici – commenta Zanetti – È proprio pensando a queste imprese, come a tutti i privati cittadini, che stiamo lavorando per raggiungere l'obiettivo di creare un vero e proprio tax day unico”.